Di seguito riportiamo l'intervista realizzata a Fabrizio Brasili, analista finanziario, al quale abbiamo rivolto alcune domande sull'attuale situazione dei mercati e in particolare di Piazza Affari. Chi volesse contattare Fabrizio Brasili può scrivere all'indirizzo email: f.bsuperguru@yahoo.it.

L'indice Ftse Mib è scivolato anche al di sotto dei 20.600/20.500 punti da lei segnalati nell'ultima intervista. Si aspetta un recupero dai livelli attuali o dobbiamo prepararci a nuove flessioni nel breve?

Indubbiamente ci può essere una fisiologica pausa della discesa in apertura di settimana, più che di un convinto rimbalzo, con la tenuta di alcuni supporti e anche con tentativi di consolidamento, ma poi le pressioni ribassiste dovrebbero prendere il sopravvento a Piazza Affari.

Alle prime notizie negative, sia internazionali che domestiche, che non mancheranno di certo, il nostro future sul Ftse Mib dovrebbe prima portarsi a contatto con la soglia psicologica dei 20.000 punti e poi affondare verso i più attendibili 19.800 punti.

Unicredit e Intesa Sanpaolo continuano a scivolare verso il basso senza trovare supporti validi da cui tentare un recupero. Quali strategie ci può suggerire per questi due titoli?

Tra i due big del settore bancario a fare la differenza è sempre Intesa Sanpaolo che, giunto ormai sui supporti di 2,2/2,3 euro, arrivando a essere sostenuto soprattutto dal rendimento del prossimo dividendo, stimato su questi valori nell'ordine dell'8,5%-9%, dovrebbe garantire quantomeno una forte tenuta, se non un recupero di area 2,4/2,5 euro.

Il consiglio è di operare sul titolo con adeguata copertura e in ottica di trading, ricorrendo anche alle opzioni sui livelli segnalati prima.