Di seguito riportiamo l'intervista realizzata ad Angelo Ciavarella, Head of Global Markets, al quale abbiamo rivolto alcune domande sull'indice Ftse Mib e su alcune blue chips.

L'indice Ftse Mib sta provando ad allungare il passo verso area 21.000, da le indicata come primo target nell'ultima intervista. Il recupero in atto è destinato a proseguire nel breve?

Il calo di ieri registrato dal Ftse Mib è stato molto contenuto rispetto al rialzo della sessione precedente, ma come abbiamo già segnalato nelle ultime interviste, se dovessero arretrare le altre Borse anche Piazza Affari scivolerà verso il basso.

Il Ftse Mib ormai si muove soltanto in base ad ondate di carattere politico, basti pensare che dopo che lo scorso week-end alcuni esponenti del Governo tra cui il Ministro Tria, hanno fornito indicazioni positive sulla prossima legge di bilancio, si è avuta una immediata reazione al rialzo di Piazza Affari in avvio di settimana.

Il mercato italiano è sottovalutato e sconta un rischio politico sui livelli attuali perchè diversamente sarebbe su valori ben più alti. Di fatto il Ftse Mib sconta la possibilità che quando il Governo presenterà la legge di bilancio, in base a quanto detto fino ad ora dagli esponenti principali quali Di Maio e Salvini, si vada contro i dettami di Bruxelles.

Sembra che la Lega e il Movimento 5 Stelle facciano finta di essere in campagna elettorale, ma quando si tratta di prendere decisioni si assiste spesso ad una revisione delle posizioni e credo che la figura di Tria sia stata scelta proprio per mitigare il rischio politico.