Di seguito riportiamo l'intervista realizzata ad Angelo Ciavarella, Head of Global Markets e Professore a contratto di Teoria e pratica dei mercati finanziari all'Università di Greenwich, al quale abbiamo rivolto alcune domande sull'indice Ftse Mib e su alcune blue chips.

Il Ftse Mib continua ad arretrare dopo il test di area 21.500 da cui è stato respinto. Cosa si aspetta nel breve anche il vista dell'imminente G20?

A questo punto molto dipenderà da quello che verrà fuori dall'incontro del G20 di venerdì e sabato e da cosa deciderà di fare Trump sul fronte dei dazi.

A mio avviso le Borse non hanno ancora prezzato adeguatamente un possibile accordo tra Cina e Stati Uniti e qualora questo ci fosse potrebbero continuare a salire.

In caso contrario, i mercati azionari potrebbero anche un po' scendere, fermo restando che il recente rally è sostenuto dalle aspettative sulle nuove mosse della Fed in materia di politica monetaria.

A Piazza Affari il Ftse Mib ora sta ritracciando verso livelli importanti rappresentati da 21.200/21.200.
Nel caso in cui l'indice delle blue chips dovesse rompere i 21.200 punti in chiusura di sessione, allora potremmo assistere ad ulteriori flessioni verso i 20.600/20.500 punti.

Con la tenuta dei 21.200/21.000 il Ftse Mib potrebbe tornare a salire e superare i massimi delle ultime sedute in area 21.500, con successivo approdo a quota 21.700/21.800 punti.