Di seguito riportiamo l'intervista realizzata ad Alessandro Cocco, trader di Tag Group, al quale abbiamo rivolto delle domande sulle valute, su alcune commodities e sugli scenari attesi per le Borse.

L'euro-dollaro ha recuperato dai minimi della scorsa settimana. Si aspetta una prosecuzione del rimbalzo o un ritorno delle vendite?

L'euro-dollaro ha recuperato una piccola parte dei ribassi accusati in precedente e ora si trova a poca distanza dall'area degli 1,09.

Se il cross riuscirà a riportarsi oltre tale soglia avrà campo libero per salire fino a quota 1,10.
Diversamente, un ritorno delle vendite vorrà dire che il rimbalzo visto dai minimi è stato solo un ritracciamento del trend ribassista in atto.

In tal caso l'euro-dollaro sarebbe destinato a tornare sui minimi dei giorni scorsi, andando a chiudere il gap di cui parlato già nell'ultima intervista e mi riferisco a quello del 24 aprile del 201 a 1,0739, senza escludere flessioni fino ad ora 1,07.

Nel breve è possibile assistere anche ad un paio di sedute ribassiste per l'euro-dollaro per andare a creare un altro minimo prima di tornare a recuperare terreno.

In sostanza l'euro-dollaro potrebbe tornare a quota 1,077 oppure andrà a violare direttamente area 1,09 per poi puntare alla soglia degli 1,10.

Il fatto che il cross stia recuperando e stia provando ad avvicinare l'area degli 1,09 potrebbe fare ben sperare, ma la cautela è d'obbligo.

Lo scenario generale dei mercati è molto negativo e in un contesto di questo tipo si potrebbe assistere ancora a segnali di forza del dollaro, con conseguente ribasso dell'euro per il quale il pericolo non è affatto scampato.