Di seguito riportiamo l'intervista realizzata ad Alessandro Cocco, trader di Tag Group, al quale abbiamo rivolto delle domande sulle valute, su alcune commodities e sugli scenari attesi per le Borse.

L'euro-dollaro ha perso velocemente terreno dopo aver tentato nuovamente un allungo verso quota 1,12. Quali scenari prevede nel breve?

L'euro-dollaro potrebbe anche provare a riprendere la via dei guadagni dai valori attuali, ma non è ancora del tutto superato il rischio di nuovi ribassi.

Se sul grafico tracciamo una trendline che unisce i minimi dell'1 ottobre e del 29 novembre, notiamo che l'euro-dollaro non è ancora arrivato a toccarla, tenendo presente che il test della stessa avverrebbe in area 1,106.

In teoria c'è ancora spazio per ulteriori cali nel breve, ma è possibile che il cross dia vita ad un recupero già dai valori correnti, ossia da quota 1,11.

In caso di violazione dei minimi odierni a 1,1097, allora sarà probabile una prosecuzione del ribasso verso area 1,106, dove andrà a testare la trendline di cui parlavo prima.

Con una reazione da area 1,11 si potrà avere un rimbalzo che oltre 1,1127 troverà una conferma positiva e in tal caso l'euro-dollaro punterà a 1,118 prima e in seguito a quota 1,124.

Da notare che il cross è sceso a oltre il 50% del canale in cui si sta muovendo da ottobre scorso e delimitato al ribasso da 1,10 e al rialzo da quota 1,12.

Dal top le quotazioni sono scese al test degli 1,11 da cui si potrebbe assistere ad un rimbalzo, a patto di non violare la soglia degli 1,106 nel breve.

L'oro ha ritracciato dai top delle ultime sedute, riportando sotto area 1.550 dollari. Si aspetta ulteriori correzioni dai livelli correnti?