Di seguito riportiamo l'intervista realizzata ad Alessandro Cocco, trader di Tag Group, al quale abbiamo rivolto alcune domande sull'indice Ftse Mib e su diverse blue chips.

Il Ftse Mib oggi sta dando vita ad un rimbalzo dopo i recenti cali. Cosa aspettarsi nel breve anche considerando le elezioni UE di domenica?

Il Ftse Mib sta tentando un recupero e potrebbe puntare ora alla chiusura del gap lasciato aperto ieri, con un allungo fino ai 20.570 punti.

Al superamento di questo livello l'attenzione andrà spostata sui 20.800 punti, superati i quali l'indice potrà tentare di riconquistare la soglia dei 21.000/21.100 punti abbandonata con un gap-down in avvio di settimana.

Solo con un ritorno dei corsi al di sopra dei 21.200 punti sarà più credibile un nuovo test dei massimi dell'anno segnati dal Ftse Mib in area 22.000.

La discesa registrata nel mese in corso ha portato l'indice praticamente sul 50% del ritracciamento di Fibonacci con il minimo di ieri in area 20.100.

Ora il Ftse Mib potrebbe trovare la forza per risalire, ma molto dipenderà dall'esito delle elezioni europee.
In caso di cattive notizie l'indice potrebbe rompere al ribasso area 20.000 e scendere verso i 19.600 punti prima, senza escludere affondi successivi in direzione dei 19.200, in base alla volatilità che si registrerà post voto.

Dal punto di vista tecnico l'area dei 19.600, senza considerare quello che potrebbe accadere con il risultato elettorale, rappresenta un valido supporto che dovrebbe fermare il ribasso.