Di seguito riportiamo l'intervista realizzata ad Alessandro Cocco, trader di Tag Group, al quale abbiamo rivolto alcune domande sull'indice Ftse Mib e su diverse blue chips.

Il Ftse Mib sta risalendo la china dopo aver tenuto in più di un'occasione la soglia dei 21.000 punti. Si aspetta ulteriori sviluppi positivi nel breve?

Dal punto di vista tecnico la view sul Ftse Mib resta rialzista, al netto delle incertezze legate alla questione della Brexit.

Il primo supporto di rilievo per l'indice è in area 21.000, mentre la resistenza è a 21.480 punti, con le quotazioni che ora si trovano sostanzialmente a metà strada tra questi due livelli.

La mia idea è che il Ftse Mib possa tornare verso i massimi dell'anno e al superamento di area 21.500 si apriranno le porte per un allungo anche consistente in direzione dei 22.000 punti prima e in seguito verso i 22.220 punti.

In caso di violazione anche di quest'ultimo ostacolo l'indice potrà ambire ad un'estensione rialzista vero i 22.200/22.878 punti, da raggiungere però più in là nel tempo.

Al di sotto dei 21.000 il Ftse Mib rischia invece una flessione anche al di sotto dei 20.500 punti, con target a 20.100/20.000 punti prima e a 19.600 punti in seguito.

Tecnicamente quindi la view è rialzista, con un pizzico di cautela dettata da fondamentali non particolarmente favorevoli, basti pensare alle nuove tensioni sullo spread e sui BTP.