Di seguito riportiamo l'intervista realizzata ad Alessandro Cocco, trader di Tag Group, al quale abbiamo rivolto delle domande sugli indici azionari americani e su alcuni titoli Usa.

Gli indici azionari Usa hanno ripreso con decisione la via dei guadagni nelle ultime sedute, spingendosi ad una manciata di punti dai massimi storici. Si aspetta ulteriore positività nel breve?

Wall Street a messo a segno nuovi rialzi nelle ultime giornate, malgrado la stagione degli utili non abbia riservato indicazioni particolarmente brillanti per alcuni gruppi.

E' impostato meglio degli altri il Nasdaq Composite che ormai è davvero ad un soffio dai massimi di sempre, dopo che ieri il Nasdaq100 li ha già aggiornati.

I tre indici principali hanno vissuto a metà mese una fase di bassa volatilità, con volumi molto contenuti, e questo ci aveva indotti ad essere un po' titubanti sulla possibilità di assistere a nuovi rialzi.

I listini però hanno rimbalzato bene dai supporti e ora sono diretti verso i massimi di sempre che dovrebbero essere anche violati al rialzo.

L'S&P500 trova i suo top storici a 2.941 punti, mentre sotto area 2.900 si potrebbe assistere ad un ritracciamento verso i 2.848 punti.

La view sull'indice resta però rialzista e al superamento dei 2.941 punti avremo un target in area 3.000. 

In caso di tenuta dei massimi storici e in assenza di un seguito rialzista, sotto i 2.900 punti si profilerà il rischio di un ritracciamento.

Il Dow Jones è un po' più lontano dai massimi storici a 26.950 punti, oltre i quali si avrà un allungo verso i 27.490/27.500 punti.