Di seguito riportiamo l'intervista realizzata ad Alessandro Cocco, trader di Tag Group, al quale abbiamo rivolto delle domande sugli indici azionari americani e su alcuni titoli Usa.

Wall Street oggi risale la china dopo la flessione delle ultime due sessione alimentata anche dai timori sull'economia globale. Cosa prevede nel breve per i tre indici principali?

Indubbiamente anche l'azionario americano sta pagando pegno alle preoccupazioni legate al rischio di una nuova recessione. Non a caso nei primi due mesi dell'anno il trend dei tre indici principali si è mostrato più forte, mentre a marzo sta rallentando e le ultime sedute hanno confermato questa frenata.

Guardando però in particolare l'S&P500 e il Nasdaq Composite notiamo che i due indici stanno rimbalzando sulla trendline, mentre per il Dow Jones la situazione è diversa perchè la trendline è stata violata, anche se sta provando a seguire nel rimbalzo gli altri due indici.

Il Dow Jones sta tenendo duro perchè l'S&P500 e il Nasdaq Composite stanno tirando: in generale la view sui tre indici resta positiva, ma con qualche incertezza in più con cui fare i conti. In altre parole ora possiamo attenderci che Wall Street possa anche stornare.

Per l'S&P500 segnalo in primis il massimo segnato nei giorni scorsi a 2.860 punti, rotti i quali si potrà avere un allungo verso i massimi storici a 2.940/2.941 punti.

Da vedere però come avverrà eventualmente la rottura dei 2.860 punti, perchè l'indice potrebbe anche violare tale soglia, arrivare a metà strada rispetto al target indicato e poi ritracciare.