Passando al Dow Jones, per poter dire qualcosa di diverso da quanto già esposto nelle precedenti interviste, bisognerà attendere la rottura dei massimi assoluti poco sotto i 27.000 punti.

Se l'S&P500 e il Nasdaq Composite continueranno a salire, allora anche il Dow Jones potrà aggiornare i massimi, visto che si muove al traino degli altri due indici. 

Solo con la rottura dei 26.700 punti si potrà pensare ad un attacco ai record storici dei 26.950 punti, superati i quali avremo un primo target in area 27.500.

Al di sotto dei 26.300/26.250, il Dow Jones potrebbe avviare una discesa verso i 25.750 punti e tra questo livello e i massimi si potrebbe assistere ad una fase di congestione in caso di indecisione generale del mercato.

Ieri Intel ha continuato a perdere terreno dopo l'affondo di venerdì seguito alla diffusione della trimestrale. Cosa può dirci di questo titolo?

Intel ha preso una bella botta e lo vedrei bene al rialzo solo dopo una rottura dei 53,09 dollari, ossia i massimi di venerdì scorso. A quel punto il titolo potrebbe andare a chiudere il gap lasciato aperto nella stessa giornata, con un allungo a 57,6 dollari.

Oltre questo livello Intel potrebbe allungare verso i 59,6 dollari, mentre al di sotto dei 51 dollari rischierà una discesa verso i 49 dollari.

Da un punto di vista tecnico la view sul titolo al momento è ribassista e questo scenario cambierebbe solo in caso di rottura al rialzo dei 53,09 dollari.

McDonald's continua a viaggiare a ridosso dei massimi storici in attesa dei conti trimestrali in arrivo oggi. Qual è la sua view su questo titolo?