Il giusto approccio è andare a target parzialmente con operazioni long, ma non aprire ancora posizioni short.

Vorrei chiarire che a Piazza Affari c'è un quadro che potrebbe far pensare ad un posizionamento al ribasso, ma di fatto questo ancora non si può fare.

Vedremo se nelle prossime settimane ci saranno le condizioni per shortare, ma nel frattempo un trader non si muove sulla speranza di una discesa.

Lo scenario generale potrebbe far pensare ad un ribasso, ma non ci sono segnali grafici al momento, motivo per cui se siamo long possiamo andare a target e mantenere la restante parte in portafoglio, senza però aprire posizioni short ora.  

Unicredit e Intesa Sanpaolo salgono ancora al pari degli altri bancari dopo la corsa di venerdì scorso. Cosa può dirci di questi due titoli?

Unicredit è molto interessante dal punto di vista grafico, basti notare le candele di espansione in rottura dell'importante resistenza a 12,29/12,3 euro, già violata nella sessione di venerdì scorso.

Questo è anomalo perchè normalmente prima del fine settimana ci sono delle prese di profitto, mentre il titolo ha allungato con decisione, chiudendo sopra la resistenza indicata prima.

Un'ulteriore conferma del fatto che andare a prendere oggi dei segnali short non ha molto senso, considerando anche che il titolo sta facendo funzionare i breakout nella sessione odierna.