Di seguito riportiamo l'intervista realizzata a Massimiliano De Marco, analista tecnico di Robotrend.com, con domande sull'indice Ftse Mib e su alcune blue chips.

Il Ftse Mib continua ad aggiornare i massimi dell'anno, mantenendo nel complesso un'intonazione positiva. Quali le attese per le prossime sedute?

Come dicevamo la scorsa settimana, la rottura di area 22.000 da parte del Ftse Mib aveva un aspetto “sano”, da vero breakout, che potrebbe avere come obiettivo a medio termine area 22.800 prima di trovare una resistenza significativa.

Nelle ultime sedute però gli oscillatori hanno iniziato a rallentare, segno che una pausa per il Ftse Mib potrebbe essere vicina.

In questo caso, i supporti per l'indice potrebbero essere una trendline su cui il grafico orario si appoggia da più di un mese, in area 22.080, e l’area di supporto orizzontale sul daily a 21.930 punti.

Tra i bancari ieri Banco BPM ha messo a segno una delle migliori performance, ma ha guadagnato terreno anche Bper Banca. Qual è la sua view su questi due titoli?

Banco BPM per il momento sembra essere in un movimento a triangolo che, se confermato, porterà il titolo in area 2,07 euro, senza andare a superare quota 2,17 euro.

I triangoli portano ad un movimento “finale” in direzione del macrotrend, che nel caso dei bancari è ancora ribassista.

Nel caso di Bper Banca l’impostazione non è molto chiara: se sul lungo periodo la soglia dei 3 euro si è dimostrata un supporto formidabile, più a breve termine non vedo livelli così significativi.