Di seguito riportiamo l'intervista realizzata a Filippo Diodovich, strategist di IG, al quale abbiamo rivolto alcune domande sull'attuale situazione dei mercati e sulle prospettive nel breve.

I mercati azionari stanno mostrando segnali di ripresa dopo le incertezze della scorsa settimana. Si aspetta ulteriori positività nel breve?

Sì, crediamo che il movimento positivo possa continuare anche nelle prossime settimane, tenendo conto che il principale rischio per le Borse europee possa essere il voto per il Parlamento europeo di fine maggio, che potrebbe creare tensioni sui mercati finanziari.

Queste aspettative potrebbero venire meno solamente con un dietrofront sulle trattative commerciali che al momento dovrebbero portare a un compromesso tra Stati Uniti e Cina.

Il sentiero della Brexit sta diventando sempre più tortuoso e ricco di ostacoli. Quali le possibili evoluzioni e quali i possibili impatti sulle Borse?

Indubbiamente il sentiero della Brexit rimane ancora molto tortuoso. Abbiamo tuttavia delle idee più chiare sulle prossime tappe, dopo i voti di questi ultimi giorni alla House of Commons.

Theresa May porterà il 20 marzo a un terzo passaggio parlamentare il “soft deal”, già bocciato due volte negli scorsi mesi.

In caso di vittoria della May, il Regno Unito chiederà una proroga fino al 30 giugno, in caso di terzo no, l’estensione dovrebbe essere di 12-21 mesi.

Le proposte di estensione dovranno comunque essere accettare dai membri dell’Unione Europea all’unanimità.
Sui mercati il processo ricco di ostacoli della Brexit ha solamente portato tanta volatilità sulla sterlina.