Di seguito riportiamo l’intervista realizzata a Gaetano Evangelista, amministratore unico di AGE Italia.
È ora possibile provare gratuitamente le strategie e le previsioni operative di Gaetano Evangelista! Iscriviti qui, e scopri perché l'80% degli investitori esprime il proprio gradimento per AGE Italia.

Dicembre si sta rivelando molto negativo per le Borse, a dispetto della stagionalità storicamente favorevole. Ritiene che questo anticipi un andamento altrettanto ribassista per le Borse UE e Usa nel primo scorcio del nuovo anno?

Questo che si chiude è un anno eccezionale sotto diversi punti di vista. Tranne la liquidità americana, ben remunerata, nessuna forma di investimento ha brillato.

Persino nel 2008 gli investitori trovarono nel reddito fisso un balsamo per lenire le ferite da Grande Recessione. A quanto ci comunicano gli statistici, era dal 1973 che non si conseguiva una simile disfatta.



Dicembre non ha fatto eccezione. Dal 1960 questa è appena la quinta volta che lo S&P500 consegue a dicembre il livello più basso dell’anno.

I precedenti appunto si contano sulle dita di una mano, e non sono affatto beneauguranti: 1969, 1973, 1987 e 2000. Non si può tracciare una statistica, ma il messaggio è chiaro.

Penso che la vulnerabilità dei listini azionari sia considerevole. Da mesi il nostro modello di asset allocation prescrive un’esposizione azionaria virtualmente nulla.

E dire che fino a non molto tempo fa ero accusato di essere un inguaribile rialzista!