Di seguito riportiamo l'intervista a Davide Biocchi, professional trader, al quale abbiamo rivolto alcune domande sull'indice Ftse Mib e su alcune blue chips.

Il Ftse Mib per ora non sta riuscendo a superare l'ostacolo dei 17.800/17.850 punti. Cosa aspettarsi ora?

Guardando il grafico del Ftse Mib, si può notare facilmente la presenza di un supporto in area 14.00 e di una resistenza intermedia molto forte intorno ai 17.600/17.800 punti, oltre la quale l'attenzione andrà rivolta ai 18.600/18.700.

Tutto questo che sta tra la prima e la seconda resistenza è un terreno molto insidioso e fangoso e se anche il Ftse Mib riuscisse a superare il primo ostacolo potrebbe anche arrivare al secondo, ma tra l'uno e l'altro ci sono tante insidie.

Prendendo spunto soprattutto da quello che stiamo vedendo sui mercati americani, io non riesco a vedere alcun motivo legato alla congiuntura economica per cui le Borse abbiano dato vita ad un recupero così forte, peraltro con volumi molto bassi.

E' vero che "the trend is your friend", ma secondo me la dura realtà sarà ben diversa e dal punto di vista economico andremo incontro ad una Caporetto, specie in Europa.

Se guardo all'unico vero faro del mercato, ossia l'economia, non trovo nemmeno giustificato il rimbalzo, come detto prima, ma è anche vero che i mercati sono sovrani.

Piazza Affari in questo momento ci dice che c'è stato un recupero del Ftse Mib e che ora c'è il test di una resistenza importante, la cui violazione darebbe vita ad un'ulteriore espansione.

Personalmente non vedo nulla di sano in questo rialzo, fermo restando che ora per l'indice la posta in gioco è alta nel senso ch una rottura dei 17.700/17.800 punti aprirà le porte ad ulteriori salite.

Vorresti diventare un bravo come trader come Davide Biocchi?

Iscriviti da qui per rimanere sempre aggiornato sugli eventi di formazione gratuita di Trend-Online.com

Fca continua a scattare in avanti e oggi indossa la maglia rosa tra le blue chips. E' un titolo su cui punterebbe ora?

Fca è un gruppo con un grande fatturato, ma ha una marginalità molto bassa con gli utili.
Visto l'andamento del mercato dell'auto che ha vissuto un mese di marzo da paura, mi chiedo cosa stia scatenando gli acquisti su Fca.

Dal punto di vista grafico possiamo individuare supporti e resistenze, ma a parte questo non vedo motivi che possano giustificare il rialzo in atto.

Per fare trading si può anche lavorare su Fca, ma come investitore personalmente non lo valuterei al momento, visto che le prospettive per l'economia sono molto fosche, specie per ciò che riguarda in particolare i beni durevoli.

Quali sono i titoli su cui punterebbe ora a Piazza Affari?

Azimut è tra i titoli interessanti e ritengo abbia spazio per salire dopo che il gruppo ha confermato il pagamento del dividendo in un momento in cui molte altre società lo stanno sospendendo per via della crisi del coronavirus.

Nel risparmio gestito guardo con favore anche a FinecoBank che è meno esposta a certi cicli e si presenta più come una banca di raccolta, con clientela privata.

Interessante anche Nexi perchè la società è attiva in un settore che beneficia di un maggiore utilizzo delle carte per i pagamenti, favorito anche dalla tendenza a ridurre il più possibile le relazioni sociali in questa fase.

Le transazioni con la moneta elettronica sono in aumento e questo potrebbe favorire ancora Nexi che ha quindi margini di ulteriore apprezzamento. 

Vedo bene utility come Enel che ha già recuperato abbastanza, ma non mi sembra tra i titoli che potrebbero essere maggiormente penalizzati dal mercato.

Ci sono dei titoli da cui è meglio mantenere le distanze in questa fase di mercato?

STM è uno di quei titoli che approfitta del rimbalzo dei tecnologici americani, visto che può essere considerato un po' il Nasdaq italiano.

Il titolo sta recuperando bene, ma se si va a guardare l'andamento del rame, materia prima per il comparto dei semiconduttori, non si riesce a comprendere da dove STM prenda tutta la linfa che sta mostrando. 

Personalmente non mi esporrei sul titolo ora, visto anche il rischio di possibili profit warning da parte di alcuni grandi gruppi americani del calibro di Apple.

Al momento starei anche alla larga dai bancari che in primis sono penalizzati dal mercato per via del mancato pagamento del dividendo.

Non dimentichiamo che lo spread BTP-Bund sta soffrendo un po' per via dell'incertezza che aleggia sugli interventi che l'Europa dovrà adottare contro la crisi in atto.