Di seguito riportiamo l’intervista realizzata a Pietro Origlia con domande sull’indice Ftse Mib e su alcune delle blue chips quotate a Piazza Affari.

Il Ftse Mib fatica a recuperare dopo il tonfo di lunedì scorso, mantenendosi per ora sotto quota 19.000 punti. E' bene prepararsi ad ulteriori ribassi nel breve?

La risalita dei contagi di Covid19 e di conseguenza i timori di un nuovo rallentamento dell'economia globale, hanno riportato nervosismo e volatilità sui principali mercati azionari.

Questi ultimi si avviano a chiudere il mese di settembre all'insegna della debolezza e delle vendite, con i listini statunitensi che in poche ottave hanno perso i guadagni di luglio e agosto.

In questo contesto, a peggiorare il "sentiment" degli investitori anche il nulla di fatto in seno al Congresso USA per quanto riguarda quel piano di stimoli fiscali, scaduto nel mese di luglio, che secondo la FED è basilare per far proseguire il recupero dell'economia statunitense.

La fase attuale di vendite sta colpendo anche i beni rifugio come l'ORO, con i prezzi che scendono sotto l'area dei 1.900 dollari l'oncia, evento questo che sembra quasi la fotocopia di quello successo tra febbraio e marzo 2020, quando sui mercati si vendevano un pò tutti gli asset.

Sul mercato delle valute torna ad indebolirsi l'euro che nei confronti del dollaro scende sotto la soglia degli 1,17 e va a disegnare un testa e spalle ribassista, con possibili target posti nei pressi degli 1,145-1,15.

Arrivando a dare uno sguardo al Ftse Mib, ci accorgiamo come l'impostazione grafica stia peggiorando a vista d'occhio, con le quotazioni che sono scese sotto la soglia dei 19mila punti.

Nel breve è possibile che questa fase correttiva possa proseguire, spingendo il Ftse Mib in direzione dei prossimi supporti posti nei pressi dei 18.200-18.250 punti che rappresentano gli ex massimi di aprile.

Al contrario per avere segnali di ritrovata positività, le quotazioni del Ftse Mib dovrebbero tornare oltre la soglia dei 20mila punti.

Banco BPM e Bper Banca ieri sono stati travolti dalle vendite. Quali indicazioni ci può fornire per questi due titoli?

La situazione sul settore finanziario torna a farsi critica con i prezzi che sembrano aver voglia di rivedere i minimi di periodo.

Nello specifico sul titolo BANCO BPM saranno da monitorare i primi supporti che passano in area 1,24 euro, sotto i quali si andrebbero a rivedere i minimi posti sulla soglia di 1 euro.

Situazione simile per BPER BANCA che con la rottura dei 2,06 euro oramai è indirizzata verso i minimi di maggio posti vicino alla soglia degli 1,8 euro.

Fca sta risalendo la china, mentre tra gli industriali resta sotto scacco Leonardo. Quali strategie ci può suggerire per entrambi?

Dopo il rally della scorsa ottava, il titolo FCA è andato a chiudere il gap up lasciato aperto nei pressi dei 10 euro.
Nel breve importante sarà ora la tenuta di questi livelli per evitare una fase correttiva che potrebbe spingere i prezzi verso i 9,15-9,20 euro.

Situazione diversa per LEONARDO che conferma la sua impostazione di fondo ribassista e per il quale gli eventuali rimbalzi sono sempre occasioni per aprire posizioni short.

Per avere segnali positivi, i prezzi di Leonardo dovrebbero tornare oltre l'area dei 5,75-5,80 euro.

Cosa può dirci in merito al recente andamento di Telecom Italia e STM e quali suggerimenti operativi ci può dare?

Dopo il "rally" alimentato dagli sviluppi sul fronte della rete unica, TELECOM ITALIA è tornato ad essere quel titolo che poche volte ha regalato soddisfazioni ai suoi azionisti.

Graficamente importante sarà la tenuta degli 0,34 euro per evitare nuovi affondi ribassisti.

Per quanto riguarda STM, il rimbalzo partito il 9 Settembre ha perso forza nelle ultime giornate e nel breve da monitorare saranno i primi sostegni in area i 25 euro, sotto cui si avrebbero discese verso i 24 euro prima e a seguire fino ai 23,3 euro.

Quali sono i titoli che sta seguendo più da vicino in questa fase? A quali consiglia di guardare ora?

Tra i titoli interessanti segnalo INTERPUMP in caso di ritorni verso i primi supporti posti in area 30 euro.
Da seguire CAMPARI con ritorni verso i 9 euro ed infine NEXI in caso di debolezza di breve e ripiegamenti verso i 16,5 euro.

Buon trading

Per seguire i miei SEGNALI DI TRADING scrivi a : p.origlia@trend-online.com

Per consultare la PERFORMANCE dei vari PORTAFOGLI clicca ARCHIVIO E PERFORMANCE