Di seguito riportiamo l'intervista realizzata a Sante Pellegrino, trader indipendente, al quale abbiamo rivolto alcune domande sull'attuale situazione dei mercati e in particolare di Piazza Affari.

Il Ftse Mib fatica a dare un seguito al recupero partito da area 17.000. Quali sviluppi prevede per le prossime sedute?

Per il momento la situazione a Piazza Affari è ancora stabile, con il Ftse Mib che si trova all'interno di un movimento laterale definito tra i 17.900 e i 16.300 punti.

Sarà importante che l'indice si mantenga all'interno di questo intervallo e che vada a superare la parte superiore dello stesso.

Oltre i 17.900 punti il Ftse Mib potrà puntare alla resistenza successiva in area 18.900, per poi staccare in lungo per la chiusura del gap lasciato aperto in area 20.500.

Fino a quando il Ftse Mib viaggerà al di sopra dei 16.300 punti si manterrà in una zona di positività e l'auspicio è che questo scenario continui a durare nel breve.

Cosa può dirci in merito al recente andamento del Dax30 e dell'S&P500? Quali le sue attese nel breve?

Non molto diversa la situazione del Dax che però è impostato leggemente meglio del Ftse Mib, anche se nelle ultime ore è stato ceduto il supporto dei 10.800 punti.

Al di sopra di questo livello il Dax punterà alla chiusura del gap in area 11.500, e fino a quando non si scenderà al di sotto dei 10.158 punti, l'indice resterà abbastanza protetto dai supporti.

Vorresti diventare un bravo trader come Sante Pellegrino?

Iscriviti da qui per rimanere sempre aggiornato sugli eventi di formazione gratuita di Trend-Online.com

Abbastanza interessante il recupero dell'S&P500 che dovrà però riportarsi subito sopra i 2.900 punti e superare anche  il gap già chiuso a 2.955 punti.

Oltre questo livello l'S&P500 metterà nel mirino la soglia psicologica dei 3.000 punti prima e in seguito l'area dei 3.050 per mantenere un'intonazione positiva.

Qual è la sua view su due bancari come Banco BPM e Ubi Banca?

Banco BPM cerca un recupero per superare la resistenza a 1,2 euro e agganciare in seguito la soglia degli 1,27/1,32 euro.

Se il titolo dovesse riuscire a superare quest'ultima area si candiderà ad un allungo verso la chiusura del gap a 1,5 euro.

Lo scenario appena descritto sarà negato da Banco BPM in caso di discese sotto quota 1,055 euro.

Per Ubi Banca la view sarà abbastanza positiva in caso di violazione al rialzo dei 2,58/2,6 euro, perchè da qui il titolo potrà puntare alle resistenze successive a 2,75 e a 2,8 euro.  

Al di sopra di questi due ostacoli per Ubi Banca segnaliamo una proiezione a 3,07 euro, il raggiungimento dei quali porterà alla chiusura di un gap-down.

Sotto i supporti dei 2,4 e dei 2,25 euro il titolo rischierà una discesa verso i minimi in area 2,1 euro.

STM sta tirando un po' il fiato dopo i recenti progressi. Qual è la sua view su questo titolo?

STM sta recuperando molto bene e ora deve fare i conti con la resistenza dei 23,9 euro, superata la quale i 24,3 euro saranno un bel punto di svolta per puntare ai 25,6 euro, con rialzo successivo fino a 27,5/28 euro.
Sotto 21,9 euro STM tornerà negativa, con il rischio di discesa fino al supporto dei 20/19,9 euro.

CNH Industrial continua a salire dopo il rally di ieri. Quali indicazioni ci può fornire per questo titolo?

CNH Industrial è molto interessante perchè si è riposizionato sopra un supporto strategico a 4,9 euro e ora punta alla resistenza dei 5,7 euro.

Da lì il titolo salirà verso lo swing dei 6 euro e allungherà il passo fino alla chiusura gap a 6,8 euro prima e a 7,7/8 euro più in là nel tempo.

CNH Industrial dovrà assolutamente difendere il supporto dei 4,9 euro, il cedimento del quale riproporrà uno scenario fortemente negativo.

Quali strategie operative ci può fornire per FinecoBank alla luce degli ultimi movimenti?

FinecoBank ha superato delle resistenze importanti, aprendosi la strada verso i 10,75 euro prima e in seguito in direzione degli 11,076 euro.

Il titolo non dovrà scendere sotto i 9,5 euro perchè altrimenti la struttura si indebolirà, pur non diventando del tutto negativa.