Di seguito riportiamo l'intervista realizzata a Sante Pellegrino, trader indipendente, al quale abbiamo rivolto alcune domande sull'attuale situazione dei mercati e in particolare di Piazza Affari.

Il Ftse Mib sta gravitando intorno all'area dei 19.500. Ci sono ancora margini al rialzo o vede rischi al ribasso?

Questa settimana parte un nuovo ciclo borsistico che riveste non poca importanza perchè da qui possiamo avere un'operatività un po' più fluida.

Il fatto che il Ftse Mib si trovi al di sopra dei 19.250 punti è sicuramente un punto di partenza a suo favore.
E' molto probabile che l'indice vada ad agganciare la resistenza più vicine a 19.730 punti, superata la quale si dovrà confrontare con una zona resistenziale compresa tra i 19.990 e i 20.330 punti.

Oltre questi livelli la view sul Ftse Mib diventerà completamente rialzista, con spazi di crescita fino ai 21.320 punti.

L'indice deve rimanere sopra i supporti a 19.230, 18.740 e 18.200 punti questi tre livelli sono vitali e la loro tenuta è cruciale affinchè il Ftse Mib mantenga un'impostazione positiva.
Con questo nuovo ciclo la mia view è positiva su Piazza Affari per uno sprint fino alla fine dell'anno.

Cosa può dirci in merito al recente andamento del Dax e dell'S&P500? Quali le sue attese nel breve?

Per l'S&P500 il test dei 3.415 punti visto in avvio di settimana è molto importante e le quotazioni devono mantenersi al di sopra della soglia appena indicata.

Lunedì l'indice ha testato un nuovo minimo in concomitanza della scadenza ciclica e ieri ha aperto all'interno della banda negativa della vigilia.

L'S&p500 si è mantenuto sopra i 3.416 e i 3.370 punti, supporti portanti e vitali.

Se l'indice si manterrà al di sopra di questi due sostegni sarà molto probabile che si spingerà verso i 3.540 punti, zona resistenziale poco distante dai massimi storici.

Il test della soglia appena indicata dovrebbe portare l'S&P500 verso nuovi massimi di sempre fino ai 3.600 punti prima e ai 3.695 punti in seguito.

Anche sull'indice americano la nostra view è positiva, fermo restando che non bisognerà scendere al di sotto dei livelli di sostegno indicati prima.

Lo stesso ragionamento fatto per l'S&P500 vale anche per il Dax che da una parte dovrà mantenersi sopra il supporto dei 12.640 punti e dall'altra spingersi oltre la resistenza dei 12.840 punti.

Al di sopra di tale soglia il Dax avrà modo di accelerare verso i 13.170 punti in prima battuta e in seguito verso i 13.380 punti. Sotto i 12.640 punti invece torneremo negativi sul Dax.

Cosa può dirci in merito al recente andamento di Unicredit e Intesa Sanpaolo? Quali strategie ci può suggerire per entrambi?

Intesa Sanpaolo potrebbe aver configurato un buon pattern di rialzo che sarà confermato con una chiusura sopra 1,6 euro.

Oltre tale soglia il titolo potrebbe salire fino al primo swing di rialzo attorno a 1,66 euro, per poi andare a chiudere un gap a 1,71 euro e accelerare fino ai massimi a 1,83 euro.

Attendiamo fiduciosi una chiusura sopra 1,6 euro, mentre per quanto concerne eventuali discese solo sotto 1,51 euro Intesa Sanpaolo potrà accelerare fino allo swing successivo a 1,37 euro.

Stessa situazione per Unicredit che potrebbe aver chiuso un buon pattern al rialzo, visto che è sopra i massimi precedenti di pattern a 6,9 euro.

Il titolo punta ora alla prossima resistenza a 7,33 euro, oltre cui si andranno a chiudere vari gap fino a 7,94 e 8,25 euro.

Bper Banca ieri ha dato vita ad un vorticoso rally. Si aspetta ulteriori salite nel breve?

Importante allungo per Bper Banca che, forte della corsa di ieri, potrebbe andare a rivedere dei massimi interessanti in zona 1,5 euro prima e poi in area 1,625 euro. Si tornerà negativi solo sotto 1,08 euro.

Enel ieri ha chiuso in progresso, riuscendo a fare meglio del Ftse Mib. Qual è la sua view su questo titolo?

Su Enel siamo positivi sopra 7,58 euro e l'obiettivo è di andare a raggiungere la resistenza a 7,8 euro, sopra cui troveremo con fiducia i nuovi ostacoli che porteranno le quotazioni verso 8,12 euro prima e 8,5 euro in seguito.

Diventeremo negativi su Enel solo in caso di discesa sotto lo swing di 7,25 euro, ma fino ad allora la view sarà rialzista. 

Ci sono altri titoli che vuole segnalarci a Piazza Affari?

Sto seguendo Poste Italiane che ha dato vita ad un rimbalzo tecnico importante: il titolo dovrà superare una famosa resistenza che unge da spartiacque tra il trend positivo e quello negativo.

Mi riferisco a quota 7,786 euro, sopra cui Poste Italiane punterà alla prossima resistenza a 8,15 euro, per poi guardare alla zona resistenziale tra 8,33 e 8,58 euro.

Negatività per Poste Italiane solo in caso di discese sotto lo swing a 7,38 euro.