Di seguito riportiamo un'intervista realizzata a Enrico Malverti, presidente di Fintech4i, con domande sull'indice Ftse Mib e su alcune blue chips.

Il Ftse Mib sta aggiornando i massimi dell'anno, spingendosi poco oltre i 21.500 punti. Si aspetta ulteriori progressi dai livelli attuali?

Abbiamo assistito ad un trimestre assolutamente esaltante e sembra che il Ftse Mib abbia ancora benzina per proseguire nella sua salita, tanto che sta superando il target posto sulla resistenza a 21.670 punti.

In caso di rottura di questo livello confermata in chiusura settimanale, penso ci possa essere ulteriore spazio di apprezzamento per il Ftse Mib verso i 22.000 punti.

Tuttavia le forti resistenze sul mercato americano impongono qualche riflessione e suggeriscono di guardare alla seconda metà di aprile con spirito critico.

Una impennata di volatilità nel periodo pasquale potrebbe essere una ipotesi concreta.

Intesa Sanpaolo e Unicredit ieri hanno ceduto leggermente terreno. Quali indicazioni può fornirci per questi due titoli?

Intesa Sanpaolo sta provando ad approcciare la resistenza posta a 2,22 euro, che ne sta frenando le ambizioni rialziste da qualche settimana.

Il superamento dei 2,22 € euro potrebbe proiettare il titolo sul target successivo posto a 2,37 euro.

Unicredit pure si sta portando oltre la resistenza posta a 12 euro, rompendo una lunga congestione. Su questo livello transita anche la media mobile a 200 periodi, che sta cedendo.