Mercati: ottovolante o distribuzione in arrivo? I titoli hot

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Eni Pellegrino Sante S&P 500 Dax Bund EUR/USD Euro Dollaro

La settimana si è chiusa in positivo per le Borse europee mentre Piazza Affari punta ai massimi dal 2015. Cosa monitorare sui mercati? La risposta di Sante Pellegrino trader indipendente.

In quale direzione vanno i mercati azionari?
Ricevi aggiornamenti periodici e scarica senza spese Prospettive sul Mercato Azionario. Clicca qui

La settimana si è chiusa in positivo per le Borse europee mentre Piazza Affari punta ai massimi dal 2015. Cosa monitorare sui mercati? La risposta di Sante Pellegrino trader indipendente. 

Ftse mib

L'indice italiano venerdì ha segnato un massimo superando le resistenze di 23mila punti arrivando a segnare il nuovo massimo di 23.750 punti (precisamente 23.749), ad un soffio dai 24 mila, resistenza del 2015. Superato questo punto potrebbe aprirsi una nuova scena, positiva, che porterebbe al rialzo nuovi obiettivi e la chiusura di un gap a 25.900-22.600 punti, gap lasciato aperto nel 2008. Positivo anche l'andamento per i titoli con un record per Banca Intesa con un 3,10-3,080 euro, prezzo che non si vedeva da 2015; un eventuale conferma di questi livelli può permettere un 3,30 prima e un 3,60 dopo, invece solo short qualora dovessero venire violati i supporti a 2,70 prima e poi 2,65. Per quanto riguarda Generali è da segnalare il suo 16,22 euro registra anche un breakout molto importante, il breakout dei 16,10 che potrebbe portare Generali a 16,17 prima e successivamente a 17,80; supporto importante che segna una negatività per il titolo è 14,35. Enel intanto cerca di risollevarsi dal suo minimo sul supporto a 5 euro e adesso sta tentando di superare le resistenze a 5,43-5,50, se ciò dovesse accadere, obiettivo di Enel è quello di andare a segnare i record con un recupero dei 6 euro, che non si vedono dal 2009, successivamente 6,60 andrebbe a chiudere un gap lasciato aperto assieme all'indice, nel 2008. Enel a differenza di Generali e Intesa ha corso molto visto che è dal gennaio del 2017 che sale e quindi ha ben performato e potrebbe mantenere una volatilità bassa in questo caso. Eni, invece segna il nuovo massimo verso i 15 euro la cui rottura potrebbe aprire la strada ai 15,50 prima e ai 16 successivamente, ben intonato il supporto che non deve essere violato, sotto i 13,50.

apk