Di seguito riportiamo l'intervista realizzata a Gerardo Murano, consulente finanziario indipendente, al quale abbiamo rivolto alcune domande sull'indice Ftse Mib e su diverse blue chips.

Il Ftse Mib conferma la sua tendenza positiva degli ultimi due mesi, spingendosi su nuovi massimi dell'anno. La salita in atto proseguirà nel breve?

L'evento importante per il Ftse Mib, avvenuto la scorsa settimana, è stato il superamento dei 20.200 punti che avevamo indicato nelle precedenti interviste come livello di resistenza.

Si tratta di una soglia significativa e questo vuol dire che difficilmente sarà destinato a produrre un'inversione di tendenza di breve termine, per cui il trend si conferma positivo.

Per il Ftse Mib ci sono ulteriori spazi di allungo, fermo restando le normali giornate postive e negative che si contrappongono.

L'indice mostra una capacità di prosecuzione del movimento che è destinato ad avere come obiettivo di brevissimo termine l'area dei 21.000/21.200.

Raggiunta questa soglia ci potrebbero essere delle prese di beneficio, ma l'impostazione resta positiva e quindi è conveniente essere long, visto che non si intravedono al momento segnali di inversione della tendenza che resta bullish.

Questo è senza dubbio positivo perchè segue il pull-back del mese di gennaio e l'ulteriore presa di coscienza da parte degli investitori sulla positività dell'indice Ftse Mib.

Al momento non ci sono segnali di pericolo, fermo restando che sotto i 20.000 punti ci sarebbe un possibile aumento dell'incertezza, ma per ora non vedo indicazioni di negatività.