Di seguito riportiamo l'intervista realizzata a Gerardo Murano, consulente finanziario indipendente, al quale abbiamo rivolto alcune domande sull'indice Ftse Mib e su diverse blue chips.

Il Ftse Mib ieri ha accusato una pesante battuta d'arresto dopo il nuovo test di area 20.000. La mancata rottura di questa soglia mette la parole fine a nuovi spunti rialzisti nel breve?

Come avevamo già segnalato nelle interviste precedenti, il target del movimento rialzista del Ftse Mib era individuabile nall'area dei 20.000/20.200 punti che rappresenta il vero obiettivo della gama rialzista in atto.

Si tratta di un test particolarmente importante perchè cambia lo scenario da breve a medio termine dal punto di vista degli investitori. Il superamento di area 20.000 aprirà nuovi scenari e nuove opportunità, con possibilità di crescita anche sostanziose per il Ftse Mib e con un cambio di paradigma.

Non sorprende che il test di area 20.000 si stia rivelando particolarmente difficoltoso e a ciò bisogna aggiungere che c'è un cambio di scenario in questo momento che non riguarda solamente il nostro indice, ma rimanda ad un quadro europeo di perdita di competitività.

Tutto ciò sta determinando un clima di aumento della volatilità, ma è presto per dire che il trend del Ftse Mib sia finito, anche perchè non ci sono state inversioni di medio termine, ma è anche vero che da inizio inizio anno c'è stata solo una settimana caratterizzata da prese di beneficio, mentre le altre sono state tutte positive.

In questo momento c'è sicuramente una crescita del premio al rischio, ma è prematuro parlare di cambiamenti della tendenza.