Di seguito riportiamo l’intervista realizzata a Pietro Origlia con domande sull’indice Ftse Mib e su alcune delle blue chips quotate a Piazza Affari.

Il Ftse Mib si è spinto poco oltre l'obiettivo dei 21.700 punti da lei indicato nell'ultima intervista. La corsa al rialzo è destinata a proseguire nel breve?

Le attese positive relativamente ad un accordo tra Usa e Cina in tema di dazi e le schiarite per quanto riguarda la Brexit, influenzano positivamente i principali mercati azionari.

Per le Borse prosegue così quel trend rialzista che le sta accompagnando sui massimi degli ultimi mesi, con Wall Street che invece guarda ai suoi massimi di sempre con alcuni indici.

Sul mercato delle valute non si arresta la debolezza dell'EURO che nei confronti del DOLLARO rimane sempre vicino ai minimi annuali posti in area 1,12.

In caso di sfondamento di questa soglia per il cross sarà possibile una prosecuzione del trend ribassista.

Tra le materie prime view opposta per Petrolio ed Oro, con il primo che rimane sempre impostato al rialzo e per il quale ogni presa di beneficio è un'occasione di acquisto, mentre il secondo è vicino ai supporti posti in area 1.280 dollari l'oncia.

Arrivando a dare uno sguardo al FTSE Mib, la seduta di ieri è stata la quarta consecutiva al rialzo, con le quotazioni oltre i 21.700 punti.

Nel breve una conferma oltre questi livelli dovrebbe dare ulteriore spinta al FTSE Mib in direzione dei 21.900 punti prima e a seguire verso i 22.200 punti.