Di seguito riportiamo l’intervista realizzata a Pietro Origlia con domande sull’indice Ftse Mib e su alcune delle blue chips quotate a Piazza Affari.

L'indice Ftse Mib continua ad orbitare intorno all'area dei 19.500 punti. Si aspetta ulteriori progressi nel breve? Quali sono i livelli da seguire ora?

Continua a non arrestarsi l'ottimo stato di forma sui principali mercati azionari che, nonostante alcuni segnali di affaticamento, proseguono il loro trend rialzista riportando ancora una volta Wall Street a vedere i suoi top di sempre.
A spingere ancora il "sentiment" degli investitori non solo i buoni dati macro ma anche le aspettative che i tagli alle tasse promessi dal neo Presidente USA Trump possano alimentare la crescita non solo oltreoceano ma anche a livello globale.
In un contesto generale che rimane quindi positivo il focus degli investitori nelle prossime ore sarà rivolto sempre all'America dove partirà la stagione delle trimestrali nuovo banco di prova della "corporate" statunitense.

Sul mercato delle valute si assiste invece ad una certa volatilità con l'EURO che arresta il suo rimbalzo nei confronti del DOLLARO tornando nei pressi degli 1.055.
A livello operativo nuovi segnali di debolezza arriverebbero con conferme sotto gli 1.05, mentre al rialzo un'attenuazione della pressione ribassista si avrebbe solo oltre area 1.065.

Arriviamo a dare uno sguardo a Piazza Affari con i prezzi che rimangono sempre vicini ai massimi degli ultimi 11 mesi in area 19.750 punti grazie al rally che si è innescato nelle ultime 7 settimane.
A livello generale ancora una volta non possiamo non confermare quello che è stato segnalato la scorsa ottava, ovvero come le prese di benificio vengono immediatamente sfruttate dagli investitori per rientrare in acquisto.