Di seguito riportiamo l’intervista realizzata a Pietro Origlia con domande  sull’indice Ftse Mib e su alcune delle blue chips quotate a Piazza Affari.

Il Ftse Mib ha continuato a tentennare ieri, mantenendosi a ridosso di area 21.000. Ci sarà una rottura al rialzo di questa soglia o le vendite torneranno a fare capolino?

Rispetto ai nostri ultimi aggiornamenti non cambia il focus sui principali mercati finanziari che continuano a guardare in primis ai colloqui tra Usa e Cina in tema di commercio, ricordando oramai siamo al secondo anno di scontri senza che si veda un via d'uscita.

Le Borse guardano al contempo alle varie incertezze politiche presenti in alcuni Paesi: da una parte abbiamo la crisi di Governo nel nostro Paese che sembrerebbe vedere una soluzione positiva a breve e dalla parte opposta una "hard Brexit" che torna nuovamente a preoccupare gli investitori internazionali.

In questo contesto non dobbiamo dimenticare le varie Banche Centrali che dovrebbero tornare a mettere in campo nuovi stimoli monetari, con l'obiettivo di fronteggiare le incertezze legate alla crescita dell'economia globale.

Sul mercato delle valute rimane debole l'EURO che nei confronti del DOLLARO torna sotto la soglia degli 1,11, con prossimi target nei pressi degli 1.105 e a seguire verso i minimi di inizio agosto posti in area 1,1025.

Arrivando a dare uno sguardo al Ftse Mib, sembrerebbe interessante la fase che si sta creando, con le quotazioni che sono tornate a testare la soglia dei 21mila punti.