Di seguito riportiamo l'intervista a Pietro Paciello, CEO e Chief Analyst della Pro Markets Sagl, Asset Management Company, al quale abbiamo rivolto alcune domande sulle valute, su alcune commodities e sugli scenari attesi per le Borse. Pietro Paciello è autore del libro appena pubblicato TRADING PLAN. Per info clicca qui.

L'euro-dollaro sta provando a riposizionarsi sopra quota 1,14, mentre il dollaro-yen è ad un passo da area 108 dopo il flash crash dei giorni scorsi. Cosa prevede per questi due cambi nel breve?

Dal punto di vista della dinamica grafica, ritengo che l'euro-dollaro sia tecnicamente orientato verso l'alto nel 2019, quindi, salvo fasi di accumulo e distribuzione, nel lungo periodo l'eventuale superamento di area 1,15 dovrebbe aprire degli scenari di forte rafforzamento per questo cross, con prima tappa in area 1,16 e via via verso i livelli successivi.

Questa view verrebbe compromessa solo con un euro-dollaro che andasse a chiudere sotto area 1,13, cosa che in questo momento mi sembra poco verosimile.

Per quanto mi riguarda a livello intermarket l'euro-dollaro è orientato verso l'alto nel primo trimestre di quest'anno, ma una conferma di quanto sto dicendo avverrà solo con una piena chiusura sopra 1,15. Quello che accadrà nel frattempo è il cosiddetto trading range cui ormai stiamo assistendo da qualche mese.

Per il dollaro-yen il recente flash crash ha decisamente sporcato la grafica di riferimento, con tutto ciò che ne consegue. Credo che per lungo i graficisti come il sottoscritto, faranno fatica ad analizzare questo grafico.