Di seguito riportiamo l'intervista a Pietro Paciello, CEO e Chief Analyst della Pro Markets Sagl, Asset Management Company, al quale abbiamo rivolto alcune domande sulle valute, su alcune commodities e sugli scenari attesi per le Borse.

L'euro-dollaro sta recuperando dai minimi dell'anno, mentre il dollaro-yen si è riportato sotto quota 107. Cosa si aspetta per questi due cross ora?

Mi sembra che il recupero dell'euro-dollaro possa assumere interesse e consistenza solo allorquando riuscirà a violare la trendline di resistenza di lungo termine che adesso transita in zona 1,10.

Fino a quando il cross non si riporterà oltre questo livello, malgrado in queste ore si osservi un discreto recupero, per me rimane orientato verso il basso a livello di movimento di lungo periodo.

Il tentativo attuale a livello intermarket è molto interessante perchè arriva in una fase generalizzata di vendita dollari anche contro yen, quindi potrebbe essere la volta buona.

Prima di assumere un posizionamento pùi aggressivo di lungo aspetterei una chiusura giornaliera sopra quota 1,10/1,1010 che ritengo essere una resistenza molto importante.

Se quest'ultima sarà superata, potrebbe finalmente far chiamare un'inversione a questa prolungatissima fase discendente dell'euro.

Il minimo toccato di recente dal cross non è significativo, quindi continuo a vedere rischi al ribasso.
Per me la valuta unica resta debole e solo una chiusura sopra 1,10 potrebbe farmi pensare diversamente.