Di seguito riportiamo l'intervista a Pietro Paciello, CEO e Chief Analyst della Pro Markets Sagl, Asset Management Company, al quale abbiamo rivolto alcune domande sulle valute, su alcune commodities e sugli scenari attesi per le Borse.

L'euro-dollaro sta riprendendo quota dopo le indicazioni di Powell che portano a scommettere su un taglio dei tassi, mentre è debole il dollaro-yen. Cosa può dirci di questi due cambi?

Premetto che il contesto estivo non favorisce analisi particolarmente valide, ma nelle ultime ore osservo un tentativo interessante di rafforzamento dell'euro e dello yen nei confronti del dollaro.

Sembra che ci sia una decisa riduzione della pressione in acquisto sul biglietto verde, e guardando i grafici di breve contro dollaro si notano dei tentativi di recupero interessanti.

Fino ad oggi la struttura dell'euro-dollaro è stata caratterizzata da un'attività molto intensa di vendita sui rimbalzi.
Ogni tentativo di recupero del cross è stato sempre seguito da una pressione ribassista costante e presente ormai da mesi.

E' presto dunque per parlare di un'inversione per l'euro-dollaro e rimaniamo secondo me più che altro in una logica di trading range.

Il cross ha in area 1,12 una base tecnica abbastanza interessante e significativa dove almeno per il momento riesce sempre a rimbalzare. Al rialzo invece una prima resistenza, ancora abbastanza lontana, la possiamo identificare in zona 1,135.

Il mercato rimane quindi secondo me in un'ottica propedeutica ad un indebolimento del dollaro, ma non ancora palesemente concretizzatasi.