Di seguito riportiamo l'intervista a Pietro Paciello, CEO e Chief Analyst della Pro Markets Sagl, Asset Management Company, al quale abbiamo rivolto alcune domande sulla situazione di Piazza Affari e sulle strategie da seguire per diversi titoli.

Il Ftse Mib ieri ha arginato la spinta ribassista dopo aver avvicinato nell'intraday la soglia dei 22.500 punti. La discesa è da considerarsi conclusa o proseguirà?

Penso che il ribasso del Ftse Mib sia destinato a proseguire nel breve, verso un primo supporto a 22.600 punti, già messo sotto pressione ieri, per poi estendersi in direzione del successivo, molto più consistente, in area 22.250.

Sono short al 60% e quindi festeggio questa discesa del Ftse Mib che dopo una lunga attesa ha dato una consistente spinta al ribasso.

La fase di ribasso è ancora iniziale e non possiamo considerare il mercato diventato improvvisamente short, ma l'eccesso di comprato che si era accumulato, peraltro in un laterale durato quasi 15 giorni, ha favorito questa consistente correzione.

Il Ftse Mib in due sedute ha perso ciò che aveva accumulato in 15, quindi ancora una volta i mercati sono velocissimi a scendere e abbastanza lenti a salire, per quanto sia stato un bel trend rialzista.

Ora aspetto il Ftse Mib al test del supporto dinamico a 22.600 punti, sotto cui avremo un potenziale pull-back rialzista in area 22.250.

Come dicevo sono short sul mercato al 60% e l'idea sarebbe di iniziare a pensare a ricoprirmi allorquando il Ftse Mib dovesse testare i 22.250 punti, un'area pull-back che mi sembra particolarmente rappresentativa.