Di seguito riportiamo l'intervista a Pietro Paciello, CEO e Chief Analyst della Pro Markets Sagl, Asset Management Company, al quale abbiamo rivolto alcune domande sulla situazione di Piazza Affari e sulle strategie da seguire per diversi titoli. Pietro Paciello è autore del libro appena pubblicato TRADING PLAN. Per info clicca qui.

Nell'ultima intervista aveva segnalato un primo ostacolo a 18.750 punti che il Ftse Mib ha superato. C'è spazio per ulteriori progressi?

Il mercato sta assecondando una logica di rimbalzo da ipervenduto che per il momento non va a modificare lo scenario di lungo termine che leggo ancora negativo. Si può approfittare di questi recuperi del Ftse Mib, ma ribadisco che quella dei 19.500 punti è l'area tecnica dove incontrerà due resistenze, una di breve e una di lungo termine.

L'eventuale test per sciogliere i dubbi su quelle che possono essere le sorti di Piazza Affari nel 2019 va confinato al raggiungimento di area 19.500 che sembrerebbe ancora possibile/probabile, considerando l'andamento dei bancari nelle ultime due sedute.

Fino a quando l'indice non mollerà l'area dei 18.400, da cui si è sviluppata l'ultima spinta rialzista, nel breve l'impostazione rimarrà rimbalzista, con target in area 19.500 che farà da spartiacque tra un mercato bullish e bearish.

Se è vero che Piazza Affari ha ormai un connotato più ribassista che rialzista, a ridosso dei 19.500 punti dovrebbero affiorare i venditori e fino ad allora sarà un trading rialzista, direi più che legittimo e anche graficamente ben strutturato.