Di seguito riportiamo l'intervista a Pietro Paciello, CEO e Chief Analyst della Pro Markets Sagl, Asset Management Company, al quale abbiamo rivolto alcune domande sulla situazione di Piazza Affari e sulle strategie da seguire per diversi titoli.

Il Ftse Mib continua a premere contro la soglia dei 22.000 punti che al momento non è stata riconquistata. Quali riflessioni si possono fare sull'attuale situazione del mercato?

Il mercato italiano continua a mantenere un'impostazione straordinariamente rialzista, peraltro su una configurazione grafica che è molto chiara e semplice da interpretare.

Il Ftse Mib è alle prese con una barriera in area 22.000, che rappresenta peraltro il 61,8% di Fibonacci e avevamo già evidenziato che poteva essere un livello capace di creare qualche presa di beneficio.

Per il momento non c'è di più perchè tolta questa barriera numerica che sta funzionando, a livello grafico non abbiamo grandi ostacoli, per cui non è detto che la marcia del Ftse Mib trovi in area 22.000 una resistenza ancora per tanto tempo.

Un segnale negativo scatterebbe solo con una chiusura sotto area 21.600, che rappresenta il supporto dinamico portante del trend ascendente attuale. E' evidente che l'indice è salito senza pause, con un rialzo del 20% da inizio anno, quindi tecnicamente è super bullish.

La domanda da porsi è se e quando correggerà il Ftse Mib, con quale velocità lo potrà fare, ma allo stato attuale per quanto io credo sia rischioso inserirsi in corsa al rialzo, non posso che constatare che questo è uno dei mercati rialzisti più belli a cui abbiamo assistito nell'ultimo decennio.