Con un cedimento di questo livello l'indice continuerà a scivolare verso il basso in direzione dei 18.900 punti.
Un immediato ritorno del Ftse Mib al di sopra dei 20.300 punti confermerà la forza della trendline supportiva transitante in quest'area e renderà possibile un rialzo sopra i 20.680 punti, con target la prima resistenza dinamica a 21.150 punti e la seconda a 21.700 punti.

Al di sopra di questo ostacolo tornerà il sereno per il Ftse Mib che tornerà in primis sui massimi dell'anno in area 22.350, per poi allungare il passo verso i 22.700 punti prima e in seguito in direzione di area 23.100. 

Nel breve il rischio di nuovi ribassi sarà reale con l'abbandono confermato da parte dell'indice dei 20.300 punti, dove troviamo la trendline supportiva che è di fondamentale supporto per la tenuta del trend di lungo periodo.

L'abbandono della suddetta trendline porterà il Ftse Mib verso area 19.500 e non  vedo alternative ad uno scenario di questo tipo.

Cosa può dirci in merito al recente andamento dell'S&P500 e del Dax30 e cosa si aspetta ora per questi due indici?

Il Dax ha trovato resistenza intorno ad area 12.500 da cui è stato respinto verso il basso, con la rottura dei 12.150 punti che ha portato ad un'accelerazione ribassista fino al primo supporto dei 12.650 punti.

C'è stato poi un tentativo, non riuscito, di prendere il secondo supporto a 11.400 punti, ma un affondo al di sotto di tale soglia sarà molto negativo per il Dax che scenderà verso quota 10.500 punti.