L'indice dovrebbe scaricare un po' di ipercomprato accumulato in questi tre mesi di rialzo e quindi una rottura al ribasso da parte del Ftse Mib del supporto a 20.310 punti, aprirà le porte ad una prosecuzione delle vendite verso i 20.120 punti prima e i 19.878 punti in seguito, sotto cui si arretrerà fino ai 19.180 punti nel peggiore dei casi.

Al contrario, se dopo la chiusura intorno ai 20.120 punti interverranno volumi in acquisto a Piazza Affari, allora sarà probabile che il Ftse Mib rimbalzi verso i 20.450 punti prima e in seguito verso i 20.670 punti, segnalando come ultima resistenza i 21.010 punti.

Solo la rottura di questo livello farà tornare rialzista il mercato con successivi allunghi verso i 21.200 e i 21.450 punti.
Nel breve la mia view è leggermente ribassista perchè abbiamo una serie di indicazioni negative dall'analisi ciclica.

Quest'ultima suggerisce che se non superiamo l'ostacolo dei 21.000/21.200 punti, le nuove resistenze aggiornate al ciclo iniziato ieri, il Ftse Mib non avrà un'intonazione rialzista.

Cosa può dirci in merito al recente andamento del Dax30 e dell'S&P500? Quali le previsioni nel breve?

Il Dax presenta una barriera di resistenza da superare per diventare rialzisti a quota 11.850. Nel caso del listino tedesco, rispetto al Ftse Mib la divergenza ribassista è molto più accentuata, tra l'altro l'indice Dax ha corso meno di quello italiano e dell'S&P500.