Di seguito riportiamo l'intervista realizzata a Gianluigi Raimondi, analista tecnico e co-fondatore di Finanzaoperativa.com, con domande sull'indice Ftse Mib e su alcune blue chips.

Il Ftse Mib si è riportato poco oltre i 23.000 punti dopo il recente calo. Si torna sui massimi dell'anno o è presto per dirlo?

Premetto che Trump sta facendo il bello e il cattivo tempo sui mercati azionari che tendenzialmente sono impostati al rialzo, ma la volatilità di breve è veramente innescata dai tweet del presidente americano.

Dal punto di vista tecnico il Ftse Mib ha beneficiato di un rimbalzo dalla media mobile a 50 sedute incrociata al ribasso nella sessione di martedì.

Si è trattato però di un falso segnale visto che ieri l'indice si è riportato sopra la suddetta media che al momento transita a quota 22.675 punti.

Il Ftse Mib è di nuovo poco oltre la soglia dei 23.000 punti e se la riconquista di questo livello sarà confermata, potremo assistere ad un ulteriore allungo prima verso l'area dei 23.500 e in seguito verso i top dell'anno in area 23.800.

Oltre questo ostacolo l'indice potrà proseguire al rialzo verso nuovi massimi che vedono anche sopra area 24.000.
Per contro, l'eventuale cedimento da parte del Ftse Mib della media mobile a 22.675 punti, farebbe venire meno il recupero in atto e confermerebbe invece la correzione iniziata a fine novembre.

In quest'ottica avremo un primo obiettivo a 22.220 punti prima e in seguito in area 21.700.

La mia view su Piazza Affari e positiva e penso che il Ftse Mib possa segnare nuovi massimi nelle prossime sedute, anche prima della pausa natalizia, Trump permettendo.