Al di sotto di tale soglia ci sarà il baratro, mentre con la tenuta del suddetto livello si potrebbe assistere ad una fase laterale di consolidamento.
Consiglio di monitorare molto attentamente i livelli di supporto segnalati prima, rimanendo nel frattempo alla finestra in attesa di segnali dal mercato.

Nella seduta di ieri Banco BPM e Bper Banca sono stati i migliori tra i bancari. Cosa può dirci di questi due titoli?

Banco BPM da fine maggio si muove in un canale rialzista, confermato di recente dall'incrocio al rialzo con la media mobile a 50 giorni a quota 2,6 euro.

Visto che gli indicatori tecnici non sono ancora in zona di ipercomprato, potremmo assistere ad un ulteriore allungo dei corsi verso la resistenza posta a quota 2,85 euro e dopo un'eventuale pausa di consolidamento di medio termine, al test della resistenza statica di medio termine posta a 3,1 euro.
Qualsiasi operatività al rialzo andrà corredata da uno stop loss molto rigido sotto quota 2,55 euro.

Dal punto di vista tecnico Bper Banca mi piace meno di Banco BPM, perchè nella seduta di mercoledì ha violato a quota 4,65 euro il supporto dinamico ascendente che da giugno sostiene i corsi.

Nonostante il recupero di ieri il segnale è negativo, per cui o il titolo riuscirà a oltrepassare la resistenza a quota 4,8 euro, oppure potremmo assistere ad un trading range con baricentro di oscillazione dei corsi intorno ai 4,7 euro.
Sotto quota 4,55 euro Bper Banca accuserebbe un nuovo ribasso verso i 4,4 euro prima e i 4,25 euro in seguito.

Telecom Italia ieri ha vissuto un'altra seduta pesante, avvicinandosi sempre più a quota 0,6 euro. Vede qualche speranza di recupero per il titolo?