Di seguito riportiamo l'intervista realizzata a Gianluigi Raimondi, analista tecnico e co-fondatore di Finanzaoperativa.com, con domande sull'indice Ftse Mib e su alcune blue chips.

Il Ftse Mib è stato respinto nuovamente oggi dalla soglia dei 22.000 punti, mantenendosi però a poca distanza dalla stessa. E' ancora credibile una rottura al rialzo o prevede delle flessioni nel breve?

La pausa di oggi la vedo più che salutare per il Ftse Mib, a patto che non vengano violati alcuni sostegni chiave, a partire da quello a quota 21.645 punti, dove transita il supporto dinamico ascendente di medio-lungo termine.

Poco più in basso a 21.560 punti passa al momento la media mobile a 21 sedute e sotto quest'area di prezzo potremmo iniziare a parlare di una correzione per il Ftse Mib, ma non prima.

Nel breve ci sta tutta una pausa fisiologica del rialzo o una discesa momentanea dell'indice. 

Per continuare a salire però dovremmo assistere ad una conferma del superamento della soglia dei 22.000 punti, ma ancor più sarà cruciale il test a quota 22.240 punti, dove troviamo una resistenza statica di lungo termine.

Oltre i 22.240 punti il successivo target per il Ftse Mib sarebbe molto vicino perchè lo individuiamo in area 22.500 in prima battuta e poi a 22.740 punti.