Di seguito riportiamo l'intervista realizzata a Gianluigi Raimondi, analista tecnico e co-fondatore di Finanzaoperativa.com, con domande sull'indice Ftse Mib e su alcune blue chips.

Il Ftse Mib ieri è salito ancora, arrivando a lambire la soglia dei 21.500 per poi indietreggiare. Si aspetta ulteriori spunti al rialzo nel breve?

Il Ftse Mib ha allungato con decisione il passo nelle ultime sedute e ha incrociato a quota 20.990 della media mobile a 50 sedute, per poi dare vita al superamento molto importante avvenuto ieri della trendline discendente di breve-medio termine a 21.240 punti.

L'indice si è spinto così a ridosso dei 21.500 punti ieri e arrivato su questa soglia potrebbe aver quasi esaurito il movimento a V.

Il completamento dello stesso si avrebbe con il raggiungimento della soglia dei 22.000 punti, ma già sui livelli attuali siamo in una zona molto vicina all'ipercomprato.

Questo potrebbe preludere non dico ad una correzione, ma quantomeno ad una fase laterale di consolidamento.
La mancata conferma del superamento di quota 21.500 da parte del Ftse Mib potrebbe innescare un ritracciamento verso quota 21.220 prima e in seguito in direzione dei 20.990 punti.

Oltre i 21.500 punti potremmo assistere innanzitutto la chiusura del gap ribassista del 6 maggio a quota 21.665 punti e poi ad un successivo allungo sin verso la soglia dei 22.000 punti, ossia sui massimi dell'anno.