Di seguito riportiamo l'intervista realizzata a Gianluigi Raimondi, analista tecnico e co-fondatore di Finanzaoperativa.com, con domande sull'indice Ftse Mib e su alcune blue chips.

Il Ftse Mib è arrivato a lambire il primo target da lei indicato la scorsa settimana in area 21.500. A questo punto è lecito attendersi una prosecuzione del rialzo o è tempo di una pausa?

A mio avviso è auspicabile, anzi indispensabile e necessaria a questo punto, una fase laterale di consolidamento per il Ftse Mib. Questo anche perchè tutti principali indicatori e oscillatori tecnici sono in zona di ipercomprato ormai da quattro sedute.

Se non ci sarà questa pausa di consolidamento, potremmo anche assistere ad una, seppur breve, inversione di tendenza al ribasso, con la possibilità di una correzione ben sotto i 21.000 punti.

Un trend laterale a ridosso dei 21.300/21.350 punti potrebbe al contrario essere propedeutico ad un ulteriore allungo da parte dell'indice fin verso la soglia dei 22.000 punti.

La corsa al rialzo deve essere in qualche modo frenata ora, altrimenti il fiatone prenderà il sopravvento.
Per le posizioni rialziste in essere consiglio di fissare uno stop and reverse sotto i 21.000 punti, rotti i quali per il Ftse Mib verrebbe meno l'uptrend iniziato nelle prime sedute del 2019.