Di seguito riportiamo l'intervista realizzata a Gianluigi Raimondi, analista tecnico e co-fondatore di Finanzaoperativa.com, con domande sull'indice Ftse Mib e su alcune blue chips.

Come da lei previsto il Ftse Mib non è riuscito a superare i massimi dell'anno ed è sceso fino ad area 21.500, da cui sta recuperando. La correzione delle ultime sedute si può considerare conclusa?

Dall'analisi del grafico del Ftse Mib si evince la formazione di un testa spalle inverso.

All'eventuale conferma del superamento della soglia dei 22.330/22.340 punti potremmo assistere ad un ulteriore e deciso allungo dei corsi. L'obiettivo in tal caso sarà in area 23.000, con step intermedi a 22.500 e a 22.750 punti.

Questo dal punto di vista squisitamente tecnico, mentre sul fronte dei fondamentali sono un po' più scettico sulle prospettive di Piazza Affari nel breve.

Le valutazioni del mercato nel complesso sembrano aver raggiunto un sostanziale punto di equilibrio almeno nel breve termine e quindi la corsa del Ftse Mib potrebbe essere agli sgoccioli.

Dal punto di vista tecnico però ribadisco che la rottura della resistenza a 22.330/22.340 punti di Ftse Mib potrebbe innescare nuovi allunghi dei corsi.