Di seguito riportiamo l’intervista sull’indice Ftse Mib e su alcune delle blue chips quotate a Piazza Affari, con domande rivolte a Roberto Scudeletti, trader indipendente e titolare del sito www.prtrading.it.

Il Ftse Mib si è spinto al test di area 21.000 punti, da cui è stato respinto con una certa violenza. Prevede un recupero dai livelli attuali o dobbiamo prepararci a nuove vendite nel breve?

L’indice Ftse Mib si trova ad oscillare tra importanti resistenze e supporti settimanali e mensili. In particolare si trova tra la media a 200 periodi settimanale che funge da pavimento in zona 20.400 punti e la collega a 50 periodi a 20.775 punti, che la scorsa settimana è stata protagonista di una sua falsa rottura con mancata tenuta dei 21mila punti.

Nel breve bisogna considerare il grafico giornaliero che vede il prezzo sotto la media a 12 periodi attualmente a 20.585 punti e sopra la collega a 200 periodi a 20.330 punti circa.

Solo sopra quest'ultima media avremo una vera ripresa dei corsi, con spazio per la resistenza statica dei 20.685 punti ed eventuale ritorno sulla parte alta del movimento laterale precedente a 20.850-20.900 punti circa.

Una nuova gamba rialzista si avrà, ovviamente, solo sopra i massimi dell’anno a 21.010 punti, con target la resistenza mensile della media a 24 periodi e quella settimanale della media a 100 periodi in area 21.300-21.400 circa.

Viceversa, una tenuta sotto i 20.585 punti vedrà un ritorno della fase correttiva iniziata lo scorso venerdì, con obiettivi la media a 200 periodi settimanale e giornaliera a 20.400-20.330 punti.