Per le prossime sedute, in caso di ritorno del Ftse Mib sotto i 21.900 punti si avrà l'inizio di nuova correzione verso la media giornaliera a 24 periodi e la chiusura del secondo gap up intorno ai 21.770 punti, con spazio per un ritorno a 21.490 punti e sulle medie giornaliere a 50 e 100 periodi rispettivamente a 21.380 e 21.200 punti.

Questi ultimi due livelli dovrebbero favorire una ripresa del Ftse Mib, pena un ulteriore approfondimento verso i 20.970 punti e la media daily a 200 periodi a 20.770 punti circa.

Viceversa, sopra i 22.030 punti di Ftse Mib ci sarà un ritorno degli acquisti verso le importanti fasce resistenziali sul recente doppio massimo intorno ai 22.240 punti, con eventuale nuovo attacco dei top dell’anno a 22.357 punti.

Oltre questo livello il Ftse Mib avrà spazio di manovra per nuovi obiettivi rialzisti, in zona 22.516-22.838 punti e 22.938 punti, prima dell’assalto a quota 23mila.

Venerdì Unicredit è stato il migliore tra i bancari, ma ha guadagnato terreno anche Intesa Sanpaolo. Quali strategie ci può suggerire per entrambi?

Unicredit dopo l’ennesimo chiaro trend ribassista che da anni oramai caratterizza il povero comparto bancario italiano, sta tentando l’ennesimo movimento di inversione.

Il titolo ci prova dopo aver costruito una base supportiva su un nuovo minimo relativo, con il recente tentativo di rimbalzo respinto dall’ennesima fase correttiva, con attuale ritorno dei compratori alle prese con importanti resistenze giornaliere.