Di segito riportiamo l'intervista realizzata a Vincenzo Longo, strategist di IG, al quale abbiamo rivolto alcune domande sull'attuale situazione dei mercati e sulle prospettive nel breve.

Wall Street vicino ai massimi, mentre il Pil Usa batte le attese. Il rallentamento globale non sembra interessare l’America. Come mai?

I dati del Pil del 4° trimestre negli Usa rilasciati ieri sono stati in generale positivi. La crescita è stata solida e i consumi hanno fatto da traino all’economia, seppur il contributo è risultato in calo rispetto al trimestre precedente.



 

L’elemento più positivo è stato il basso contributo delle scorte, un fattore questo che spazza via i timori di un calo pronunciato della produzione industriale dei mesi successivi.

Per ora quindi l’impatto derivante dal rallentamento di Cina ed Europa è piuttosto limitato, ma potrebbe presto iniziare a far sentire i suoi effetti se la disputa commerciale tra Cina e Usa dovesse protrarsi a lungo o peggiorare.

Per ora, la miglior tenuta dell’economia a stelle e strisce è per lo più ascrivibile agli effetti della riforma fiscale, che già a partire dalla seconda metà dell’anno dovrebbero iniziare a venire meno.