I mercati si rimettono in gioco dopo la volatilità delle ultime sedute. Le previsioni di Vincenzo Longo Market Strategist per IG. 

Wall Street non trova pace: quanto continuerà la discesa?

Non siamo stupiti di assistere a una simile correzione dopo un rally così importante che dura da quasi dieci anni. Anzi era addirittura auspicabile che il mercato ritracciasse alla luce delle alte valutazioni. Molti P/E erano arrivati su livelli insostenibili e sin troppo irrazionali. Se consideriamo poi che l’S&P500 continua ad aggiornare massimi storici sin dal 2013 probabilmente potremmo anche dire che la correzione non sia destinata a terminare qui. Ci aspettiamo che gli indici di Wall Street rivedano i bottom annuali e non escludiamo che da qui possa andare anche più in basso. Tornando sull’S&P500, al momento collochiamo il supporto strategico a 2.300 punti, dove passano sia la media mobile a 200 settimane e dove l’indice segnerebbe una performance del -20% dai massimi storici toccati a settembre. È importante che questo livello tenga per non mettere a rischio il trend rialzista che dura da quel lontano marzo 2009. E al momento ci aspettiamo che il mercato su questi proverà un rimbalzo. Nonostante i timori sulla crescita globale dovuta a diversi downside risk, su tutti la guerra dei dazi, la crescita rimane solida soprattutto negli Usa e le aspettative degli utili rimangono ancorate, seppur non stellari come scontavano gli investitori fino a qualche settimana fa.

L’Eur/Usd rimane vicino ai minimi da due mesi. Oltre che ai dubbi sulla crescita del Vecchio continente e alle tensioni italiane, la moneta unica sembra risentire anche dell'addio di Angela Merkel alla presidenza della CDU. Altra zavorra sulla moneta unica?