Che tu sia un devoto investitore in fondi passivi ed ETF, o che ti sia appena avvicinato a questo mondo, ti sarà estremamente utile comprendere cosa sia il tracking error.

"Morningstar ha spesso promosso il valore dell'investimento in ETF a basso costo come un mezzo per consentire ai risparmiatori di ottenere un’esposizione a un ampio paniere di titoli che rispecchiano un indice azionario. Il tracking error è un modo per valutare quanto un ETF sia in grado di replicare la performance del benchmark", afferma Ian Tam, director of investment research di Morningstar Canada.

"Un buon ETF mostrerà un tracking error minimo, segno che è riuscito a replicare l'indice. Nel caso di indici a grande capitalizzazione come l'S&P 500 o l'MSCI World, è probabile che gli ETF avranno un tracking error molto basso. Tuttavia, per indici più di nicchia o che coprono mercati meno liquidi, ci aspettiamo che il tracking error sia più alto. Per questo vale la pena verificare se ci sono più prodotti che tracciano lo stesso indice", aggiunge Tam.

Tracking Difference e Tracking Error sono le due misure che esprimono la capacità di un fondo passivo o di un ETF di replicare il proprio benchmark. Sebbene i due termini siano spesso usati come sinonimi, non sono la stessa cosa.

Che cos'è la tracking difference

La tracking difference è la differenza in valore assoluto tra i rendimenti del fondo in cui investi e quelli del benchmark in un determinato arco temporale.

Ad esempio, se detieni un fondo passivo per un totale di cinque anni, la tracking difference è una misura calcolata alla fine del periodo che indica i tuoi rendimenti rispetto al benchmark che hai replicato. Questo valore è al netto di commissioni e oneri sul tuo investimento.

Che cos'è il tracking error?

Il tracking error è una misura di quanto bene il tuo fondo stia tracciato il benchmark durante il periodo di investimento stesso. Anche i fondi che presumibilmente replicano perfettamente gli indici si comporteranno in modo leggermente diverso dal loro benchmark durante il periodo di investimento. Sono quei momenti di deviazione che contribuiranno all'analisi del tracking error.

Potresti pensare al tracking error come a una misura della volatilità. Attenzione, non stiamo parlando di volatilità dei titoli sottostanti del fondo, ma della deviazione tra il comportamento del tuo fondo e il suo benchmark.

Ad esempio, se il tuo fondo indicizzato ha avuto un piccolo tracking error durante i cinque anni in cui lo hai detenuto vuol dire che avrà seguito molto da vicino il benchmark. Un tracking error elevato, invece, indica una grave deviazione dalla traiettoria del benchmark.

Qual è la differenza?

C'è un buon modo per riassumere la differenza tracking difference e tracking error. Pensa a due auto da rally che si affrontano in una gara. L'auto numero uno è l'auto di riferimento, mentre l'auto numero due è il tuo fondo.

Per gli spettatori che osservano la gara e investono nei due piloti, la tracking difference è l'equivalente della differenza nel tempo con il quale le vetture tagliano il traguardo.

Il tracking error, invece, equivale a esaminare il filmato della gara per vedere quanto fossero vicine tra loro le due vetture durante la gara stessa. Forse c'è stato un momento in cui l'auto del fondo ha gestito un tornante particolarmente male e ha dovuto riprendersi da un sovrasterzo aggressivo al limite della pista.

Quanto contano tracking difference e tracking error?

Come spiega il direttore delle strategie passive di Morningstar, Ben Johnson, vale la pena notare la relazione tra tracking error e tracking difference.

"Il tracking error può essere utilizzato per avere un certo grado di confidenza nelle previsioni relative alla tracking difference. Si presume spesso che un tracking error elevato significhi che il fondo ha ottenuto una performance scarsa rispetto al benchmark, ma non è necessariamente così. Un tracking error elevato non implica necessariamente nulla sull'entità della tracking difference in un determinato periodo di tempo. Allo stesso tempo, un valore basso del tracking error non significa necessariamente che il fondo abbia registrato una bassa tracking difference (in termini assoluti)", aggiunge Johnson.

L’importanza di questi termini dipende da te. Se il rendimento totale è la tua preoccupazione principale allora la tracking difference è forse il dato più importante. Se desideri che il tuo fondo rimanga coerente con il suo obiettivo di investimento per tutto l’orizzonte temporale del tuo investimento, vuol dire che il tracking error è il valore più rilevante.

Cos'altro conta quando si valuta un ETF?

Oltre a tracking difference e tracking error, Johnson consiglia di considerare altri fattori quando si valuta un ETF:

  • Costi di negoziazione, commissioni, spread bid-ask e differenza tra prezzo di mercato e NAV;
  • Rischio di controparte;
  • Trattamento fiscale.

Di Ollie Smith