AT&T ( NYSE: T ) e National Health Investors ( NYSE: NHI )  offrono entrambi dividendi con rendimenti superiori al 6%, in un momento in cui la media dell'S&P 500 è solo del 2% circa.

Due azioni ad alto rendimento

I due titoli hanno un buon prezzo rispetto ai concorrenti nei loro settori: le azioni di entrambe le le società sono crollate di oltre il 16% nell'ultimo anno, offrendo agli investitori un buon livello per acquistare quei dividendi.

Si tratta di società stabili e mature, in cui è improbabile vedere una crescita a due cifre, ma sono aziende con flussi di cassa prevedibili che rendono sicuri i loro dividendi ad alto rendimento.

AT&T è una buona risposta per gli investitori in dividendi

AT&T paga un dividendo annuale di 2,08 dollari per azione, con un rendimento del 7,1%.
Il gruppo ha pagato 15 miliardi di dollari di dividendi lo scorso anno e con un free cash flow per il 2020 di 27,5 miliardi dollari, il che lo lascia con un pay out di poco inferiore al 55%.

La preoccupazione è che le azioni di AT&T sono crollate del 24% nell'ultimo anno.

I ricavi riportati per il 2020 sono stati di 171,8 miliardi di dollari, in calo del 5,2% rispetto al 2019 e l'utile operativo è sceso del 77% rispetto al 2019.

Il management però sta affrontando i problemi con cui deve fare i conti: la società è in procinto di vendere le sue attività non redditizie DirecTV, aprendo le porte ad un percorso verso migliori margini nei prossimi anni.

In occasione della presentazione dei conti del quarto trimestre dell'ultimo esercizio fiscale, AT&T ha fatto sapere che si aspetta nel 2021 ricavi in rialzo dell'1% rispetto allo scorso anno.

L'idea è che AT&T sembra essere più redditizio quest'anno e il suo dividendo è molto sicuro.

National Health Investors ( NYSE: NHI )

National Health Investors ha avuto un 2020 difficile per via della pandemia, e le sue azioni sono scese di oltre il 24% nell'ultimo anno.

Il fondo di investimento immobiliare ( REIT ) è investito pesantemente in residenze indipendenti per anziani, strutture per la cura della memoria e edifici per uffici medici.

Il coronavirus ha avuto un forte effetto negativo sugli alloggi per anziani e questo ha frenato gli affari per gli inquilini di NHI.

Tuttavia, questa è probabilmente solo una tendenza a breve termine legata alla pandemia: il numero di baby boomer che avrà bisogno di un qualche tipo di alloggio per anziani dovrebbe ancora aumentare nei prossimi anni.

I dati del governo indicano che il numero di persone negli Stati Uniti di età pari o superiore a 65 anni è aumentato a 38,8 milioni nel 2018, un incremento del 35% in un decennio. Lo studio afferma che il numero dovrebbe crescere fino a 94,7 milioni entro il 2060.

Il management ha appena aumentato il dividendo trimestrale del 5% a 1,1025 dollari per azione, alzandolo per il 19° anno consecutivo, con un rendimento del 6,46%.