Dire che l'Asia ha beneficiato del commercio internazionale è un eufemismo. Aprendo le sue economie al resto del mondo, la regione è diventata un esportatore leader in molte delle industrie più importanti di oggi.

Il commercio ha anche migliorato la qualità della vita in Asia, facendo uscire oltre un miliardo di persone dalla povertà dal 1990. Senza i giusti controlli, tuttavia, una crescita così rapida potrebbe avere effetti dannosi sull'ambiente e sulla società asiatica.

La Hinrich Foundation è un'organizzazione filantropica unica in Asia, che lavora per far progredire il commercio globale reciprocamente vantaggioso e sostenibile attraverso programmi di ricerca ed educativi. Questa fondazione dal 2016 edita il Sustainable Trade Index.

Il Sustainable Trade Index misura la capacità di 20 economie - tra cui 19 in Asia, e gli Stati Uniti - di partecipare al commercio internazionale in modo da sostenere gli obiettivi nazionali e globali a lungo termine di crescita economica, protezione ambientale e migliore equità sociale.

La pandemia Covid-19 ha fornito un promemoria crudo e doloroso del perché il concetto di commercio sostenibile sia così critico. Il Sustainable Trade Index 2020 della Hinrich Foundation esamina il ruolo del commercio sostenibile per costruire di nuovo in maniera migliore in un mondo post-pandemia. Identifica quattro aree che i politici, i leader aziendali e le ONG dovrebbero affrontare per una crescita più sostenibile.

Quattro priorità politiche per ricostruire meglio dopo la pandemia

Se la pandemia di covid-19 e la conseguente crisi economica in tutto il mondo ci possono insegnare qualcosa, è che la preparazione è importante. L'intenzione originale del STI non era necessariamente quella di servire come strumento di prevenzione delle crisi, ma ha assunto questa dimensione. A tal fine, si identificano quattro aree che i politici, i dirigenti d'azienda e le ONG dovrebbero affrontare se e quando arriverà la prossima crisi:

  1. Ridurre la disuguaglianza. A meno che non vengano prese misure significative ora, il divario tra ricchi e poveri non farà che aumentare ulteriormente quando arriverà la prossima crisi, rendendo il commercio sostenibile ancora più difficile.
  2. Migliorare l'istruzione. Senza progressi nell'istruzione, molti paesi del STI potrebbero rimanere indietro.
  3. (Ri)abbassare le barriere al commercio e agli investimenti. Nessuno dei paesi in via di sviluppo (nel STI) ha la domanda interna o la base di capitale per crescere, e tanto meno per crescere in modo da alleviare la povertà e creare una classe media. Il commercio, e il commercio sostenibile, sono davvero le loro uniche strade. Questo significa mantenere le loro economie aperte e accogliere il tipo di investimento estero che supporta questi obiettivi.
  4. Costruire sui benefici ambientali della pandemia. I governi hanno l'opportunità di applicare le lezioni ambientali apprese dalla crisi alle loro decisioni politiche e di porsi domande su come mantenere i vantaggi già ottenuti.

Panoramica dei risultati dell'indice

Il Giappone e la Corea del Sud si uniscono ancora una volta al gruppo delle altre colonne portanti in cima all'indice: Singapore, Hong Kong, Taiwan e gli Stati Uniti. E che progressi: sono entrambi primi, nella classifica del STI, a pari merito.

Il Giappone e la Corea del Sud condividono molte somiglianze, compresi i bassi tassi di crescita, la difficoltà ad attrarre investimenti esteri diretti e i tassi di cambio volatili ponderati per il commercio. Ma entrambi hanno beneficiato di indicatori nuovi per il STI 2020, vale a dire l'esistenza di schemi di prezzi del carbonio e gli sforzi per combattere il traffico di esseri umani.

Altrove, il movimento più notevole nell'indice è stato quello del Vietnam. Dopo aver fatto progressi nelle precedenti edizioni del STI, c'è stato un arretramento rispetto agli altri paesi dell'indice nei pilastri sociale e ambientale. Questo ha trascinato il suo rango al 16° posto complessivo, appena dietro all'India e appena davanti all'Indonesia. Per un paese che sta diventando il prossimo centro delle catene di approvvigionamento nella regione asiatica, questo non è uno sviluppo incoraggiante.

Cos'è esattamente il commercio sostenibile?

Il commercio internazionale è un'importante fonte di crescita economica, consentendo alle imprese nazionali di espandersi, raggiungere nuovi clienti e acquisire esposizione ai mercati esteri.

Allo stesso tempo, i paesi che si concentrano troppo sulle esportazioni si espongono a maggiori rischi a lungo termine. Per esempio, un'espansione aggressiva nel settore manifatturiero rischia di compromettere la qualità dell'aria di un paese, mentre l'eccessiva dipendenza da un singolo prodotto o settore può creare un'economia suscettibile agli shock della domanda.

Il principio primario che sta alla base del commercio sostenibile è l'equilibrio. Il commercio non può essere perseguito solo per i guadagni economici, senza considerare i risultati ambientali e sociali.

Quindi, il commercio sostenibile sostiene non solo la crescita economica, ma anche la protezione dell'ambiente e il rafforzamento del capitale sociale. Si tratta di trovare un equilibrio tra gli incentivi a breve termine e la resilienza a lungo termine.

Misurare il commercio sostenibile

Il Sustainable Trade Index (STI) si basa su tre pilastri della sostenibilità commerciale. Ogni economia nel STI riceve un punteggio tra 0 e 100 per ogni pilastro.

Il pilastro economico presenta 21 indicatori. Esempi di questo pilastro sono uso delle tariffe commerciali, prestazioni logistiche e crescita della forza lavoro.

Il pilastro sociale presenta 12 indicatori. Esempi sono livello di disuguaglianza economica, presenza di lavoro minorile e livello di istruzione.

Il pilastro ambientale presenta 14 indicatori. Alcuni esempi sono livello di inquinamento dell'aria, dipendenza dalle risorse naturali e norme ambientali.

Il pilastro economico misura la capacità di un paese di far crescere la sua economia attraverso il commercio, mentre il pilastro sociale misura la tolleranza di una popolazione all'espansione commerciale, dati i costi e i benefici della crescita economica.

Infine, il pilastro ambientale misura la capacità di un paese di gestire i rischi legati al clima. I punteggi dei singoli pilastri sono poi aggregati per arrivare a una classifica generale, che ha anche un punteggio massimo possibile di 100.

Il Sustainable Trade Index 2020: classifica generale

Per la prima volta nella storia del STI, il Giappone e la Corea del Sud sono arrivati alla pari al primo posto, con un punteggio globale di 75,1. Entrambi i paesi si sono piazzati tra i primi cinque in precedenza, ma il 2020 segna la prima volta per entrambi di conquistare il primo posto.

Anche le economie avanzate come Singapore, Hong Kong e Taiwan hanno avuto ottimi risultati, ciascuno con un punteggio tra i 60. All'altra estremità dello spettro, i paesi in via di sviluppo come l'India e il Vietnam si sono stretti tra i 40 e i 50 punti, su un massimo di 100.

Per saperne di più, ecco come ogni paese si è comportato nei tre pilastri di base.

Classifica del pilastro economico

Hong Kong ha conquistato per la prima volta il primo posto nel pilastro economico grazie ai suoi bassi costi commerciali e al settore finanziario ben sviluppato. I servizi finanziari hanno aumentato il loro contributo al PIL di Hong Kong dal 13% nel 2004 al 20% nel 2018.

La legge sulla sicurezza nazionale recentemente avviata nella regione - che ha portato a una maggiore instabilità politica - potrebbe avere un effetto negativo sulle classifiche future.

Anche la Cina ha avuto una forte performance, salendo al terzo posto per la prima volta. La più grande economia asiatica beneficia di un gruppo ben diversificato di partner commerciali, il che significa che non dipende troppo pesantemente da un singolo mercato.

Gli ultimi cinque paesi - India (16°), Myanmar (17°), Thailandia (18°), Pakistan (19°) e Laos (20°) - hanno sofferto di problemi come il rischio di pagamento, che si misura come la difficoltà di far entrare e uscire denaro da un paese. Questo rischio è particolarmente dannoso per il commercio perché scoraggia gli investimenti diretti esteri.

Classifica del pilastro sociale

Il pilastro sociale presenta il punteggio medio più alto, ma anche il più grande divario dall'alto al basso. Questo divario è cresciuto negli ultimi anni, passando da 43,9 punti nel 2018 a 52,3 nel 2020.

Taiwan ha rivendicato il primo posto per la seconda volta, consolidando la sua reputazione di leader asiatico nello sviluppo del capitale umano. Ha ottenuto buoni risultati nell'indicatore del livello di istruzione, con il 93,6% della sua popolazione che riceve un'istruzione terziaria.

La Cina, nonostante il suo successo in altri pilastri, ha ottenuto solo il 16° posto. Questo è stato in parte dovuto agli effetti della sua ormai defunta politica del figlio unico, che è stata responsabile della creazione di squilibri di genere e della riduzione della popolazione.

Classifica del pilastro ambientale

Il pilastro ambientale ha il punteggio medio più basso dei tre. Giappone, Singapore, Hong Kong e Corea del Sud sono stati gli unici paesi a ottenere un punteggio superiore a 75.

I primi quattro hanno ottenuto buoni risultati in aree come la qualità dell'aria e l'inquinamento dell'acqua e, con l'eccezione di Hong Kong, hanno tutti introdotto schemi di carbon pricing negli ultimi dieci anni. Questo non significa che questi paesi siano senza difetti, tuttavia.

Singapore, per esempio, si è classificata al 16° posto nell'indicatore della deforestazione. La città-stato è uno dei centri più densamente popolati del mondo, e ha tagliato svariate foreste per liberare spazio per ulteriori insediamenti e urbanizzazioni.

(Ri)costruire meglio post COVID-19

Nonostante i danni che la COVID-19 ha causato, ci sono alcuni lati positivi. Questo include i benefici ambientali sperimentati dalla Cina, dove i blocchi hanno ridotto le emissioni di carbonio di 200 milioni di tonnellate in un solo mese. È stato stimato che, dopo due mesi, i ridotti livelli di inquinamento della Cina hanno salvato la vita di 77.000 persone.

Questi miglioramenti temporanei sono un promemoria esplicito dei costi ambientali e sociali associati alla crescita economica. In risposta, i governi dell'Asia stanno facendo dei passi per assicurare la sostenibilità a lungo termine delle loro nazioni.

Il Giappone e la Corea del Sud hanno entrambi annunciato il loro impegno a raggiungere la neutralità di carbonio entro il 2050, mentre la Cina ha fissato un obiettivo simile per il 2060.

Investire sulle nazioni del sud-est asiatico

Esistono sia fondi che ETF che permettono di investire sui mercati locali delle 19 nazioni prese in esame dal STI. Bypassando gli Stati Uniti, per cui c'è l'imbarazzo della scelta, e rimanendo negli ETF, che sono parecchio più economici dei fondi comuni, esistono prodotti che permettono di investire su Giappone, Corea del Sud, Taiwan, Cina, Filippine, Hong-Kong, India, Indonesia, Malesia, Singapore, Taiwan, Pakistan, Vietnam.

Per il Giappone questi strumenti sono ben 64. Limitandosi al massimo, il migliore è senza dubbio l'Xtrackers Nikkei 225 UCITS ETF 2D EUR Hedged.

Per la Corea del Sud gli strumenti sono 6, con il migliore l'ETF di iShares, iShares MSCI Korea UCITS ETF (Acc), disponibile anche in versione distributiva. Per Taiwan invece i prodotti a disposizione sono 4, con il migliore che risulta essere quello di Lyxor, il Lyxor MSCI Taiwan UCITS ETF - Acc.

Passando alla Cina, ci sono ben 26 ETF a disposizione. Come per il Giappone, ci si limita al massimo, ma è difficile prescindere dall'UBS ETF (IE) MSCI China A SF UCITS ETF (USD) A-acc. Le Filippine sono, invece, ben rappresentate dall'Xtrackers MSCI Philippines UCITS ETF 1C, così come il Pakistan (Xtrackers MSCI Pakistan Swap UCITS ETF 1C), Singapore (Xtrackers MSCI Singapore UCITS ETF 1C) e il Vietnam (Xtrackers FTSE Vietnam Swap UCITS ETF 1C).

Il migliore ETF per investire su Hong Kong è Lyxor Hong Kong (HSI) UCITS ETF - Dist; Quello per l'India, sui 6 disponibili, risulta essere Xtrackers Nifty 50 Swap UCITS ETF 1C, quello per l'Indonesia Lyxor MSCI Indonesia UCITS ETF - Acc, e quello per la Malesia Xtrackers MSCI Malaysia UCITS ETF 1C.