Con il crescente interesse dei consumatori per i veicoli elettrici (EV), il mercato delle batterie EV agli ioni di litio è ora un business da 27 miliardi di dollari all'anno.

Secondo gli esperti del settore, l'alta domanda ha aumentato i profitti dei produttori di batterie e ha portato una forte concorrenza sul mercato. Ed entro il 2027, il mercato potrebbe crescere ulteriormente fino a 127 miliardi di dollari, dato che i consumatori abbracceranno veicoli elettrici più accessibili.

I veicoli elettrici sono un pezzo chiave del puzzle dell'energia pulita. Tuttavia, la strada verso l'elettrificazione è influenzata da vari fattori. Mentre alcuni aiutano ad accelerare il passaggio ai veicoli elettrici, altri lo rallentano.

Ma, prima, vediamo la strada che porta a tutto questo, che non è irta di difficoltà, nonostante l'hype del momento sul settore.

Le corsie veloci che accelerano l'adozione dei veicoli elettrici

Dalle politiche governative al calo dei prezzi delle batterie, una serie di fattori sta mettendo i veicoli elettrici nella corsia preferenziale per facilitarne l'adozione da parte dei consumatori.

Fattore #1: politiche di promozione. Il passaggio a un futuro di energia pulita sta lentamente passando da un obiettivo a una realtà.

I governi di tutto il mondo hanno fatto dell'elettrificazione delle automobili una parte fondamentale della politica pubblica. Più di 20 paesi stanno puntando a una completa eliminazione dei veicoli che emettono gas serra nei prossimi due decenni.

Inoltre, 35 paesi si sono impegnati per economie nette a zero entro il 2050, dove i veicoli elettrici avranno un ruolo chiave.

Come esempio, ecco un recente tweet che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha scritto prima di firmare un ordine esecutivo per rendere il 50% del parco auto degli Stati Uniti elettrico entro il 2030:

"Il futuro dell'industria automobilistica è elettrico - e fatto in America". - Il presidente Biden su Twitter

Data la crescente importanza dei veicoli elettrici, non è una sorpresa che i governi non solo stiano promuovendo l'elettrificazione delle auto, ma anche incentivandola.

Fattore #2: consapevolezza del consumatore. La rapida crescita del mercato EV è in parte dovuta ai consumatori che scelgono di passare all'elettrico.

La crescente consapevolezza dei rischi del cambiamento climatico e i miglioramenti dei veicoli da parte dei produttori di EV stanno stimolando l'adozione di EV tra i consumatori.

Tra il 2015 e il 2020, la spesa dei consumatori per i veicoli elettrici è aumentata del 561%, passando da 18 miliardi di dollari a 119 miliardi di dollari.

Man mano che più consumatori passano ai veicoli elettrici, il mercato continuerà a crescere.

Fattore #3: più modelli. I produttori di EV stanno riconoscendo la necessità di una più ampia varietà di veicoli per soddisfare le esigenze dei diversi consumatori.

Il numero di modelli EV disponibili è aumentato da 86 nel 2015 a oltre 360 nel 2020 e, grazie ai recenti annunci dell'industria automobilistica, è probabile che questa tendenza si estenda nel prossimo decennio.

Volkswagen Ha annunciato 75 nuovi modelli entro il 2025, Ford 40 entro il 2022, GM 30 entro il 2025, Hyundai-Kia 29 entro il 2025, BMW 25 entro il 2023,Renault-Nissan 20 entro il 2022 e Toyota 15 entro il 2025.

Con più modelli disponibili, i consumatori hanno una più ampia varietà di auto tra cui scegliere, riducendo le barriere all'adozione degli EV.

Fattore #4: caduta dei prezzi delle batterie. Le batterie sono i componenti più costosi e importanti dei veicoli elettrici.

I miglioramenti nella tecnologia delle batterie, oltre all'espansione della produzione, hanno fatto scendere il costo delle batterie EV.

Man mano che i costi delle batterie diminuiscono, diminuiscono anche i prezzi dei veicoli elettrici, portando i veicoli elettrici più vicini alla parità di prezzo con le auto a gas.

Per dare un'idea di quanto sia vero tutto questo, prendiamo il costo di un pacco di batterie. Nel 2010, il costo $/Kwh era di 1191 dollari. L'anno scorso è sceso a 137 dollari, un decremento dell'89%, decremento logico visto che con l'ingegnerizzazione di certi processi, e con le economie di scala, i prezzi non possono che scendere.

Secondo BloombergNEF, al punto di prezzo del pacco batterie di $100/kWh, i prezzi dei veicoli elettrici diventeranno competitivi con le auto a gas, dando una spinta all'elettrificazione.

Tutti questi fattori stanno giocando un ruolo importante nell'accelerare la transizione EV. Allora cosa la sta rallentando?

Le buche che rallentano l'adozione dei veicoli elettrici

Anche se il mercato EV sta crescendo in modo esponenziale, è ancora ai suoi primi giorni, commercialmente parlando, con vari ostacoli da superare sulla strada della penetrazione mainstream.

Ostacolo n. 1: la fornitura di metalli per la batteria. Le batterie EV si basano sulle proprietà di vari metalli per alimentare i veicoli elettrici. Infatti, un singolo veicolo elettrico contiene circa 207 kg di metalli.

Con la crescita dell'adozione dei veicoli elettrici, la domanda di questi minerali critici dovrebbe raggiungere livelli mai visti prima. A sua volta, questo potrebbe portare a carenze nella fornitura di metalli come il litio, il cobalto e la grafite, rallentando potenzialmente la crescita del mercato EV.

Per evitare potenziali carenze, i produttori di veicoli elettrici come Tesla e Volkswagen si stanno integrando verticalmente per estrarre i propri metalli, mentre i governi lavorano per costruire catene di approvvigionamento di metalli nazionali e indipendenti.

Ostacolo n. 2: infrastruttura di ricarica. Con più veicoli elettrici sulle strade, i conducenti hanno bisogno di più posti per collegarsi e ricaricarsi.

Tuttavia, la maggior parte dei paesi sono in ritardo nell'installazione di caricatori pubblici. La media globale del rapporto tra caricatori pubblici e parco veicoli elettrici è inferiore a 0,15. Questo significa che in media ci sono meno di 3 caricatori per ogni 20 veicoli elettrici.

Ma ci sono segni di ottimismo. L'infrastruttura di ricarica globale è raddoppiata dal 2017, e i governi stanno incentivando le installazioni di caricabatterie con sovvenzioni e sconti fiscali.

Ostacolo n. 3: tempi di ricarica. Mentre per riempire i serbatoi di benzina ci vogliono meno di cinque minuti, ci possono volere fino a otto ore per caricare completamente una batteria EV.

I caricatori veloci che usano la corrente continua possono caricare completamente i veicoli elettrici in un paio d'ore, ma sono più costosi da installare. Tuttavia, la maggior parte dei caricatori disponibili al pubblico sono lenti, il che rende scomodo per gli automobilisti ricaricare in viaggio.

Con il miglioramento della tecnologia di ricarica, si stanno sviluppando caricatori più veloci per aumentare i tempi di ricarica.

Secondo Bloomberg, i nuovi caricatori ultra-veloci possono caricare completamente i veicoli elettrici in meno di 30 minuti. Inoltre, la quota di mercato dei caricatori veloci dovrebbe crescere dal 15% di oggi al 27% entro il 2030.

Ostacolo n. 4: ansia da autonomia. Rispetto ai veicoli a gas, i veicoli elettrici non fanno ancora molta strada.

Le gamme di guida limitate sono note per causare "l'ansia da autonomia" - la paura di rimanere senza energia - tra i conducenti di veicoli elettrici, presentando un ostacolo per l'adozione tradizionale dei veicoli elettrici. Inoltre, la mancanza di infrastrutture di ricarica rafforza il problema dell'autonomia limitata.

Tuttavia, i miglioramenti costanti nella tecnologia delle batterie stanno portando a gamme di guida più lunghe. Tra il 2015 e il 2020, l'autonomia media dei veicoli elettrici a batteria è aumentata del 60%.

Con ulteriori miglioramenti tecnologici, le gamme estese permetteranno ai veicoli elettrici di competere in modo più aggressivo con le loro controparti a benzina.

Detto tutto questo, veniamo ai produttori del cuore delle auto elettriche, cioè le batterie.

Potenze asiatiche nella produzione di batterie

Oltre ad essere una potenza produttiva di parti di veicoli, l'Asia sta rapidamente diventando un focolaio di innovazione nel settore delle batterie.

Non c'è da stupirsi; i primi 10 produttori di batterie EV per quota di mercato hanno tutti sede in paesi asiatici, concentrati in Cina, Giappone e Corea del Sud.

La classifica dei produttori di batterie è la seguente. CATL ha il 32.5% del mercato, con sede in Cina. LG Energy Solution viene dopo, con il 21.5% del mercato, con sede in Corea del Sud. Poi c'è Panasonic, con il 14,7% del mercato, con sede in Giappone.

Sotto il podio, in ordine di quote di mercato, abbiamo gli altri top producer. BYD (l'azienda in cui ha investito Buffett) 6,9% del mercato, con sede in Cina; Samsung SDI 5,4% del mercato, con sede in Corea del Sud; SK Innovation 5.1% del mercato, con sede in Corea del Sud; CALB 2.7% del mercato, con sede in Cina; AESC 2,0% del mercato, con sede in Giappone; Guoxuan 2.0% del mercato, con sede in Cina; PEVE 1,3% del mercato, con sede in Giappone. Tutti gli altri produttori, insieme, fanno il 6,1% del mercato.

Secondo i dati di SNE Research, i tre principali produttori di batterie - CATL, LG e Panasonic - hanno in mano quasi il 70% del mercato della produzione di batterie EV.

Dominio cinese

Con sede nella città costiera cinese di Ningde, meglio conosciuta per le sue piantagioni di tè, Contemporary Amperex Technology Co. Limited (CATL) è cresciuta in meno di 10 anni fino a arrivare ad essere il più grande gruppo globale di batterie.

L'azienda cinese fornisce batterie al litio ferro fosfato (LFP) a Tesla, Peugeot, Hyundai, Honda, BMW, Toyota, Volkswagen e Volvo, e le azioni della società hanno guadagnato il 160% nel 2020, alzando la capitalizzazione di mercato di CATL a quasi 186 miliardi di dollari.

CATL conta nove persone nella lista Forbes dei miliardari globali. Il suo fondatore, Zeng Yuqun, nato in un povero villaggio nel 1968 durante la rivoluzione culturale cinese, ora vale quasi quanto il fondatore di Alibaba, Jack Ma.

La Cina ospita anche il quarto più grande produttore di batterie, BYD, sostenuta come detto da un grande investimento di Warren Buffett (230 milioni di dollari nel 2008 che, rimpinguato nel corso degli anni, oggi vale 25,85 miliardi di dollari).

Concorrenza per CATL fuori dalla Cina

Al di fuori della Cina, CATL deve affrontare la dura concorrenza di produttori affermati come LG e Panasonic, rispettivamente secondo e terzo nella classifica.

Con più di 100 anni di storia, Panasonic ha Tesla e Toyota tra i suoi acquirenti di batterie. Le celle a sacchetto di LG sono usate nei veicoli elettrici di Jaguar, Audi, Porsche, Ford e GM.

I piani degli Stati Uniti e dell'Europa per la produzione di batterie

La strategia del presidente Joe Biden per rendere gli Stati Uniti una potenza nei veicoli elettrici include l'aumento della produzione interna di batterie. Anche i paesi europei stanno cercando di ridurre decenni di crescente dipendenza dalla Cina.

Mentre i paesi occidentali accelerano, ci si aspetta l'ascesa di nuovi attori. Una serie di tecnologie per batterie di nuova generazione sono già in fase di sviluppo da parte di aziende statunitensi, tra cui Ionic Materials, QuantumScape, Sila Nanotechnologies, Sion Power e Sionic Energy.

In qualsiasi direzione si muova il mercato, c'è da notare che certamente le previsioni per i produttori di batterie appaiono brillanti.