L'anno scorso, le vendite delle 25 maggiori compagnie di armi del mondo sono state dell'8,5% superiori a quelle del 2019, per un totale di 361 miliardi di dollari, secondo i nuovi dati rilasciati dal SIPRI. Le aziende più grandi hanno una presenza internazionale geograficamente diversificata. Le 12 aziende americane nella top 25 hanno rappresentato il 61% di quel totale.

Lockheed Martin ha mantenuto il suo posto in cima alle maggiori aziende produttrici di armi con 53,23 miliardi di dollari di vendite. Le vendite di armi della Boeing sono arrivate a 33,15 miliardi di dollari l'anno scorso, mentre la Northrop Grumman è arrivata terza con 29,22 miliardi di dollari.

Il SIPRI ha notato che il Medio Oriente è ora rappresentato nella top 25 per la prima volta. EDGE è stata formata dalla fusione di 25 aziende più piccole e ha rappresentato l'1,3% delle vendite totali di armi della lista. Ci sono tre aziende cinesi nella top 10 e un totale di quattro nella top 25. Le loro vendite sono cresciute del 4,8 per cento tra il 2018 e il 2019, principalmente a causa dei programmi di modernizzazione che sta portando avanti l'Esercito Popolare di Liberazione cinese.

Le aziende statunitensi dominano ancora, il Medio Oriente rappresentato nella top 25 per la prima volta

Nel 2019 le prime cinque aziende di armi avevano tutte sede negli Stati Uniti: Lockheed Martin, Boeing, Northrop Grumman, Raytheon e General Dynamics. Queste cinque insieme hanno registrato 166 miliardi di dollari di vendite annuali di armi. In totale, 12 aziende statunitensi appaiono nella top 25 per il 2019, rappresentando il 61% delle vendite di armi combinate dei primi 25.

Per la prima volta, un'azienda mediorientale appare nella classifica dei primi 25. EDGE, con sede negli Emirati Arabi Uniti (UAE), è stata creata nel 2019 dalla fusione di più di 25 aziende più piccole. Si classifica al numero 22 e ha rappresentato l'1,3% delle vendite totali di armi dei primi 25.

'EDGE è una buona illustrazione di come la combinazione di un'elevata domanda nazionale di prodotti e servizi militari con il desiderio di diventare meno dipendente dai fornitori stranieri stia guidando la crescita delle aziende di armi in Medio Oriente', ha detto Pieter Wezeman, ricercatore senior del programma SIPRI Arms and Military Expenditure.

Un altro nuovo arrivato nella top 25 del 2019 è stato L3Harris Technologies (al 10° posto). È stata creata attraverso la fusione di due società statunitensi che erano entrambe nella top 25 nel 2018: Harris Corporation e L3 Technologies.

Le vendite delle aziende cinesi di armi aumentano, quelle russe diminuiscono

La top 25 include anche quattro aziende cinesi. Tre sono nella top 10: Aviation Industry Corporation of China (AVIC; 6° posto), China Electronics Technology Group Corporation (CETC; 8° posto) e China North Industries Group Corporation (NORINCO; 9° posto). Le entrate combinate delle quattro aziende cinesi nella top 25 - che includono anche China South Industries Group Corporation (CSGC; al 24° posto) - sono cresciute del 4,8% tra il 2018 e il 2019.

Riflettendo sull'aumento delle vendite di armi delle aziende cinesi, il ricercatore senior del SIPRI Nan Tian ha detto: "Le aziende di armi cinesi stanno beneficiando dei programmi di modernizzazione militare dell'Esercito Popolare di Liberazione", come precedentemente accennato.

I ricavi delle due società russe nella top 25, Almaz-Antey e United Shipbuilding, sono entrambi diminuiti tra il 2018 e il 2019, per un totale combinato di 634 milioni di dollari. Una terza azienda russa, United Aircraft, ha perso 1,3 miliardi di dollari di fatturato ed è uscita dalla top 25 nel 2019.

Alexandra Kuimova, del SIPRI, ha dichiarato: "La concorrenza interna e la riduzione della spesa governativa per la modernizzazione della flotta sono state due delle principali sfide per la United Shipbuilding nel 2019.

Altri sviluppi e tendenze degne di nota nella top 25

Dopo gli Stati Uniti, la Cina ha rappresentato la seconda quota più grande delle vendite di armi del 2019 da parte delle prime 25 aziende di armi, al 16%. Le sei aziende dell'Europa occidentale insieme hanno rappresentato il 18 per cento. Le due società russe in classifica hanno rappresentato il 3,9 per cento.

Diciannove delle prime 25 aziende di armi hanno aumentato le loro vendite di armi nel 2019 rispetto al 2018. Il maggiore aumento assoluto delle entrate di armi è stato registrato da Lockheed Martin: 5,1 miliardi di dollari, pari all'11 per cento in termini reali.

Il più grande aumento percentuale delle vendite annuali di armi, pari al 105 per cento, è stato registrato dal produttore francese Dassault Aviation Group. Un forte aumento nelle consegne all'esportazione di aerei da combattimento Rafale ha spinto la Dassault Aviation per la prima volta tra le prime 25 compagnie di armi", dice Lucie Béraud-Sudreau, direttore del programma SIPRI Arms and Military Expenditure.

Il report mostra che il Sud del mondo si sta integrando nell'industria mondiale delle armi

Il rapporto esamina anche la presenza internazionale delle 15 maggiori aziende di armi nel 2019. Queste aziende sono presenti in un totale di 49 paesi, attraverso filiali a maggioranza, joint venture e strutture di ricerca.

Con una presenza globale che abbraccia 24 paesi ciascuno, Thales e Airbus sono le due aziende più internazionalizzate, seguite da vicino da Boeing (21 paesi), Leonardo (21 paesi) e Lockheed Martin (19 paesi).

Il Regno Unito, l'Australia, gli Stati Uniti, il Canada e la Germania ospitano il maggior numero di queste entità straniere. Al di fuori degli hub dell'industria delle armi del Nord America e dell'Europa occidentale, il maggior numero di entità di società straniere è ospitato dall'Australia (38), Arabia Saudita (24), India (13), Singapore (11), Emirati Arabi (11) e Brasile (10).

Alexandra Marksteiner del SIPRI Arms and Military Expenditure Programme ha detto: "Ci sono molte ragioni per cui le compagnie di armi potrebbero volersi stabilire all'estero, compreso un migliore accesso ai mercati in crescita, programmi di collaborazione sulle armi, o politiche nei paesi ospitanti che legano gli acquisti di armi ai trasferimenti di tecnologia".

Dei 49 paesi che ospitano entità straniere delle prime 15 compagnie di armi, 17 sono in paesi a basso e medio reddito. "I paesi del Sud del mondo che cercano di avviare i loro programmi di produzione di armi hanno accolto le compagnie straniere di armi come un mezzo per beneficiare dei trasferimenti di tecnologia", ha detto Diego Lopes da Silva, ricercatore del SIPRI.

Siemon Wezeman, ricercatore senior del SIPRI, ha detto: "Le compagnie di armi cinesi e russe nella top 15 hanno solo una limitata presenza internazionale. Le sanzioni contro le aziende russe e i limiti imposti dal governo alle acquisizioni delle aziende cinesi sembrano aver giocato un ruolo nel limitare la loro presenza globale".

Perché investire in aziende che producono armi?

In un mondo che va sempre di più, e giustamente, verso investimenti verdi e sostenibili, può sembrare controproducente pensare di effettuare un investimento nelle aziende sunnominate ma, controintuitivamente, esse invece costituiscono ancora un settore che traina investimenti sempre in crescita.

Oltre a questo, duole dirlo, ma è un'oggettività sotto gli occhi di osservatori attenti, sul pianeta permangono una serie di conflitti a bassa intensità, che necessitano di una serie di armi, per lo più da fuoco (pistole fucili, mitragliatori, mitragliatrici, razzi et similia), per essere combattuti. Ci sono anche svariate guerre civili tra questi conflitti, e la storia insegna che queste contese sono tutt'altro che brevi, temporalmente parlando.

In poche parole, la razza umana è destinata a fare la guerra. La storia ci dice, tristemente, che abbiamo ragione nell'affermare questo. Dopotutto, la guerra si fa essenzialmente per un singolo motivo: l'esploitazione, cioè lo sfruttamento, di risorse. Le guerre d'occupazione americane in Iraq (petrolio) e Afghanistan (oppio), tra le più recenti, così come l'occupazione della Crimea (petrolio) da parte della Russia, sono allocabili in quest'unica categoria.

Il fatto che l'America e la Cina occupino i primi 10 posti della classifica del SIPRI indicano che la corsa agli armamenti, sebbene molto meno indirizzata verso la nuclearizzazione, è ancora non solo presente, ma ben lungi dal terminare. E non terminerà fintanto che vi saranno risorse da "saccheggiare" quindi, con ogni probabilità, finché sopravviverà la razza umana.

Esistono quindi, in un'epoca in cui gli investimenti ESG sono sempre più presenti, molti prodotti che consentono di esporsi verso questi settori, che per molte nazioni, Stati uniti e Cina in testa, costituiscono ancora un'ampia fetta dei loro investimenti statali.

Quali sono i prodotti finanziari migliori?

In America, uno dei prodotti più usati e più disponibili è l'iShares U.S. Aerospace & Defense ETF (+12,94% da inizio anno). Esso consente un'esposizione completa alle società statunitensi che producono aerei commerciali e militari e altre attrezzature di difesa, in cui sono incluse tutte quelle nominate finora.

Anche Invesco, con il suo Invesco Aerospace & Defense ETF, consente un'esposizione al settore. Le aziende in questione tendono ad essere piuttosto grandi, a crescita lenta, ma notevolmente stabili grazie all'uso diffuso di contratti governativi a lungo termine per la maggior parte dei loro servizi.

Un prodotto realmente innovativo, sempre con focus americano (visto che laggiù è possibile investire praticamente su tutto, e spesso in maniera, appunto, innovativa, è l'Emles Federal Contractors ETF. L'ETF cerca risultati d'investimento che replichino un indice progettato per fornire l'accesso a società che hanno un'elevata esposizione ai contratti federali con il governo degli Stati Uniti. Tra questi, ovviamente, ci sono quelli con esercito, marina, aviazione e Marines degli Stati Uniti.

A questo aspetto innovativo si rivolge anche un altro ETF, il VictoryShares Protect America ETF. Esso offre l'opportunità di investire in aziende che forniscono prodotti e servizi critici a quattro importanti agenzie governative statunitensi. Investe in aziende che vanno oltre i settori tradizionali della difesa e dell'aerospaziale, come la tecnologia e la sicurezza informatica, e offre un'esposizione ad aziende leader nello sviluppo di tecnologie innovative e brevetti relativi ai settori aerospaziale e della difesa.