Il trading online è oramai una delle forme di investimento in assoluto più radicate negli ultimi anni, e sono sempre di più gli investitori che hanno scelto questa strada per andare a investire i propri risparmi.

La domanda che andiamo a porci oggi è un po' diversa, sebbene sempre legata a questo tipo di investimento, ovvero quali siano i trend del 2021 per quanto riguarda il trading online

Trading online: i trend del 2021

Andiamo adesso nel dettaglio di quelli che sono gli investimenti di punta in questo 2021, ovvero quelli che si possono definire senza ombra di dubbio come i trend veri e propri di questo anno di fatto molto complesso. Non possiamo certo negare che la Pandemia di Coronavirus ha influenzato molto i mercati, e per tutto l’anno 2020, e in questa metà circa di 2021, i trend sono per la maggior parte cambiati radicalmente. I trend maggiori sono almeno tre, andiamo a vedere quali sono:

Aziende del settore farmaceutico

Come visto nella premessa di questo paragrafo, il Covid ha sicuramente influenzato le scelte degli investitori, che ovviamente hanno visto nelle aziende farmaceutiche un’occasione irripetibile per andare ad investire nel breve periodo. 

Specialmente nel momento in cui è circolata la voce della creazione di un vaccino che sarebbe stato messo a disposizione delle persone, le azioni di diverse aziende che operano nel settore farmaceutico hanno rialzi importanti. Chiaramente, le principali aziende le cui azioni sono al momento in crescita esponenziale, sono Moderna, Pfizer e Jhonson e Jhonson. 

È anche abbastanza ovvio che non sI tratta di un investimento che si possa fare alla leggera, ovvero senza prima sapere quello che si sta facendo. Investire su un’azienda che produce vaccini prevede un’accurata strategia, la quale deve essere caratterizzata da uno studio e un’analisi costante della situazione legata alle vaccinazioni e alla produzione degli stessi, sapendo che essendo un investimento nel breve periodo si deve individuare quando sia il momento migliore per andare a vendere le azioni e monetizzare il proprio investimento. 

È ovvio che a mano a mano che la campagna vaccinale va verso la conclusione, che più o meno si prevede essere entro la fine dell’anno, anche l’interesse verso questo tipo di mercato andrà pian piano scemando, con il conseguente risultato di una contrazione del mercato. 

Aziende del settore tecnologico

Sempre in merito al problema della Pandemia di Coronavirus, e soprattutto per i prolungati periodi di lockdown e costrizione nelle proprie case, si è arrivati alla creazione di un nuovo modo di lavorare, il cosiddetto smart working

Lavorare di casa ha reso necessario dotarsi di strumenti tecnologici ben precisi, come hanno dovuto fare anche tutti quelli studenti impegnati da casa con la didattica a distanza. Dunque, tutte quelle aziende che hanno a che fare con la produzione di strumenti tecnologici, come anche le aziende che operano nel campo dello streaming televisivo tramite piattaforme, hanno visto crescere il loro valore. Parliamo ad esempio di aziende come Netflix, Microsoft e il colosso Amazon, che non solo hanno sopravvissuto indenni al disastro economico generale che ha portato la Pandemia, ma hanno potuto trarre un vantaggio economico durante questo anno e mezzo. 

Stando a quello che ci dicono gli esperti di Forex Trading Italia, in linea di massima le aziende del settore tecnologico dovrebbero rimanere ottime scelte per i propri investimenti. In questo caso, a differenza delle aziende farmaceutiche che vivono il momento di massimo splendore per il discorso vaccino e che quindi prima o poi vedranno finire la loro corsa, potrebbero esserci aziende che essendo oggi ben posizionate sul mercato potrebbero crescere comunque anche a Pandemia finita.  

Le criptovalute

Oramai si tratta di un tipo di prodotto finanziario che, come capita da anni per l’oro, gli investitori vedono come un bene rifugio nei momenti in cui il mercato non dia molte opportunità di guadagno. 

Può sembrare incredibile, ma anche in questo caso la Pandemia ha funzionato da trampolino di lancio per le criptovalute. Infatti, prima che il Covid comparisse come virus mondiale, l’interesse degli investitori verso il Bitcoin e le monete digitali come questa, era andato sempre più scemando (convinti che comunque avessero già dato il loro massimo). 

Le preoccupazioni per il futuro, soprattutto in campo economico, hanno portato le persone a investire nuovamente in questo tipo di elemento finanziario, non solo sul Bitcoin capostipite delle monete digitali, ma anche su tutte le altre criptovalute più forti.