Anche i cinesi scioperano

Anche i Cinesi scioperano. In sintesi potrebbe essere questo il giudizio su quanto sta accadendo nell stabilimento nel sud della Cina della Honda.

Image

Anche i Cinesi scioperano. In sintesi potrebbe essere questo il giudizio su quanto sta accadendo nell stabilimento nel sud della Cina della Honda. E questa volta la compagnia è dovuta andare incontro alle richieste degli operai. L'Honda ha offerto un aumento del 24% ai lavoratori. La compagnia sostiene che la maggior parte dei circa 1900 dipendenti della fabbrica di Foshan ha accettato. Ricordiamo che si sono bloccate le linee di produzione delle quattro fabbriche di Honda in Cina per lo sciopero proclamato dagli operai di una fabbrica di componentistica - di proprietà del marchio giapponese - che chiedono aumenti di stipendio dagli attuali 1500 yuan mensili (circa 180 euro) fino a 2000-2500 yuan (da 250 a 300 euro circa). Il danno per la casa automobilistica - in termini di mancata produzione - e' stimato in 3 mila auto al giorno.Le vendite sul mercato cinese rappresentano il 17 per cento del totale mondiale del marchio nipponico, che ad aprile è balzato al quinto posto delle case piu' vendute in Cina, dove nel 2010 conta di vendere 630 mila vetture (+9%). Nei giorni scorsi i manager della casa automobilistica avevano espresso la volonta' di Honda di portare entro il 2012 la produzione totale in Cina a quota 830 mila unità, grazie anche all'introduzione di due nuovi modelli. Progetti che ora potrebbero essere rivisti alla luce del nuovo scenario sindacale e dell'aumento dei costi di produzione conseguenti.